Subisco il fascino degli esseri estremi, dei deliri, della turbolenza dei cieli.

Di tutto ciò che incanta fulmina e scompagina turbando i sensi e delicatamente ricompone l’anima in pezzi, nella pace grave del silenzio che scelgo oltre i limiti.