Il mio mare mai sazio confonde le acque, ridisegna l’orizzonte oltre lo sguardo e col cielo lo unisce.

Approdo sulle rive dell’estasi dopo l’eterno tumulto mentre il canto del gallo fa un nuovo giorno.

Così finché l’ora scivola contro la forza del vento.