Regalami una panchina, una tregua per perdere lo sguardo sotto questo cielo fitto di foglie.

Porta i tuoi colori.

Io il blu oltremare delle mie contraddizioni.

Dei miei controcanti.

L’incanto della sinergia.

La gratitudine dei perdoni.

E poi di nuovo soli ognuno verso la propria via.