Elena bugiarda acquistava la fortuna ad ogni elemosina e comprava latte per un figlio mai partorito.

Arrivava zoppicando incerta come un passo di danza incompiuto.

Il ventre gonfio la pelle scura, le mani della fatica.

Dentro gli abiti da uomo la sua voce era bambina.

La vedo quasi ogni giorno in fondo alla via.

Mi chiama ancora Signora, implorandomi come una Madonna per scambiare preghiere con una moneta.