La casa della mia infanzia fu un castello di luce.

Il muro di pietre dove il verde delle lucertole sfidava l’erba parietaria.

Le voci gioiose e i ciliegi fioriti come spose.

Oggi siamo vecchi reduci di guerre perse sul fronte della realtà.