Anteprima. MariaGiovanna Luini. La via della cura

Home / Anteprime / Anteprima. MariaGiovanna Luini. La via della cura
MariaGiovanna Luini

MariaGiovanna Luini, medico e scrittrice, autrice di numerosi libri tra cui i romanzi Il grande lucernario e La luce che brilla sui tetti per citare solo due, e inoltre saggi molti dei quali scritti insieme a Umberto Veronesi con cui ha lavorato alla direzione scientifica dello IEO per sedici anni, torna in libreria con La via della cura (Mondadori), libro in cui possiamo incontrare il suo sguardo olistico secondo cui l’essere umano è connubio armonico di psiche, energia e corpo. Si potrebbe definire un saggio pur essendo una definizione che non rende piena giustizia alla scrittura intrisa di sentimento di Luini, capace di guidare il lettore nella ricerca del proprio “Guaritore” interiore attraverso l’ascolto attento e compassionevole di se stessi in primis e poi dell’altro, in assenza di giudizi e senza altro scopo che non sia il piacere di mettersi a servizio, ponendosi in ricezione sincera delle altrui emozioni.

Sono “ventitrè passi” come si trova scritto in copertina “per superare le prove della vita e ritrovare l’equilibrio”, un equilibrio che la società occidentale ha contribuito a mettere in crisi visto che siamo sempre tutti di corsa, presi da ansie, paure e atteggiamenti iper -razionali (accompagnati a costanti sensi di colpa per l’ozio, per esempio) che hanno isolato sempre più l’istinto e l’intuito. Quell’istinto che le donne chiamano “sesto senso” ed è assolutamente in grado di guidarci mettendoci in condizione di captare i segnali che il nostro Guaritore interno ci vuole dare. Ed è bene che impariamo a farvi attenzione.

MariaGiovanna Luini spiega che occorre assumersi la responsabilità di avere un ruolo di primo piano nella strategia terapeutica, e anche che è importante cercare di vibrare in maniera armonica perché si richiama ciò che è simile a quanto si è in grado di sentire. (Essendo energia, dovremmo essere molto più consapevoli delle potenzialità del pensiero e delle emozioni, ma anche della necessità di preservare un equilibrio dinamico).

Interessanti le meditazioni, i piccoli esercizi proposti per ritrovare la concentrazione o meglio il proprio centro. Ri-centrare il discorso, potrebbe essere questo in estrema sintesi, il focus di questo libro dove il tema è sicuramente rappresentato dal riportare al centro l’essere umano che è energia, essendo il corpo fisico espressione di un sistema complesso che racchiude emozioni, interiorità ed espressione di sé. E allora in quest’ottica la malattia così come il lutto devono trovare un senso all’interno del nostro equilibrio dinamico per permetterci di cooperare meglio con le terapie e ritrovare la salute.

Il Guaritore dentro di noi che la mente razionale tende a zittire, è ciò che ci permette di riscoprire l’energia che ci forma per portare a compimento la nostra personale via della cura Attraverso prima di tutto il sentire, come ascoltarsi. E il silenzio – scrive Luini – è l’unico modo per donare vita al Guaritore. Si parte da lì.

MariaGiovanna Luini, promuovendo l’integrazione fra la medicina convenzionale di eccellenza e alcune tecniche che la scienza sta studiando come Reiki ed energie, meditazione e percorsi di autoconsapevolezza, con questo libro ci fa dono di un vademecum per chi davanti al dolore è chiamato a intraprendere un “cammino speciale” e anche per chi vuole accrescere la propria consapevolezza e la propria capacità di mettersi in ascolto di sé e degli altri.

Con una scrittura appassionata e sincera Luini si conferma una scrittrice di straordinaria sensibilità che ha fatto della Cura delle persone la propria missione di vita, una vita spesa ogni giorno ad occuparsi del Ben-essere, anzi del Ben-esistere nella consapevolezza assoluta che questa vita va onorata ed espressa fino all’ultimo istante nel suo pieno potenziale e con tutto l’ amore di cui siamo capaci.

Silvia Castellani

#

Di seguito presentiamo in anteprima un breve estratto in esclusiva tratto dal libro.

Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te”: è la filosofia che ho scelto per i passi che muovo nel mondo. Allora andiamo, partiamo insieme per un viaggio in un’automobile che ci accompagni verso la luce: prenderò spunto da accadimenti della mia vita senza pretendere che siano importanti per voi, per riflettere e raccontare come il Guaritore si sia lanciato in mio aiuto nei momenti peggiori. E chissà che qualcuno si senta spinto a esplorare l’identità di questo Guaritore, chissà che ci si trasformi in cercatori d’oro che individuano la vena aurifera perfetta, per poi celarla agli occhi altrui e usarla ogni volta che è necessario! Perché sapete sicuramente che i veri cercatori non esauriscono mai il tesoro quando l’hanno trovato: lo contemplano, lo fanno proprio nel pensiero e nella localizzazione geografica, poi lo coprono e lo restituiscono al segreto perché a nessuno sia concesso di rovinarlo.

Parlerò dei trucchi piccoli e grandi, delle cadute e dei voli, dell’energia vibrazionale che ci costituisce ed è il segreto per tirarci fuori dal baratro se vi siamo precipitati dentro. Giocheremo con qualche piccolo rimedio scientifico, sciamanico, filosofico orientale o sudamericano o europeo, viaggeremo sfiorando lo spazio oscuro e creativo che alcuni chiamano inconscio. Quali risorse ho usato per non lasciarmi abbattere dalle perdite, dagli ostacoli e dal pessimismo? Quali sono le fonti della mia energia sana? Cosa mi hanno trasmesso i Maestri che ho avuto l’onore di incontrare? Condividerò tutto senza pretendere di insegnare, ma solo di offrire spunti liberi: che ognuno tragga ciò che desidera, lasciando indietro il resto. Davvero mi auguro che insieme costruiremo l’abbozzo, il nucleo di una bellissima Via della Cura.

© Mondadori, 2020

MariaGiovanna Luini. La via della cura