Author: Umberto Stradella

Home / Articles posted by Umberto Stradella
“T. Singer”di Dag Solstad

“T. Singer”di Dag Solstad

T. Singer è lo Stoner scandinavo? Riesce facile l’analogia perché anche in questo pregevole romanzo del pluripremiato Solstad si narra di un uomo senza storia, che però, a differenza dell’eroe di Williams, possiede oggettivamente meno qualità ed è rappresentato in modo meno accattivante. Diversa anche la prospettazione: Solstad usa la lente dell’entomologo, la vita di…

Continua a leggere >
Vladislav Vančura. La fine dei vecchi tempi

Vladislav Vančura. La fine dei vecchi tempi

Si tratta di un piccolo capolavoro, pubblicato negli anni ’30 del Novecento. L’autore, scrittore molto conosciuto a quell’epoca, è stato ripescato sapientemente da Einaudi. Boemia, 1920: la Cecoslovacchia è diventata una Repubblica alla fine della Grande Guerra. Il clima storico è quello delle guerre civili in Unione Sovietica, tra Rossi e Bianchi. I due principali…

Continua a leggere >
Canto di D’Arco, Antonio Moresco

Canto di D’Arco, Antonio Moresco

È una grande opera letteraria, non metafisica, come si vuol far credere, ma intensamente poetica. Tanto meno questo testo può essere classificato come un thriller, ancorché l’epica del canto sia la narrazione del viaggio “dantesco” dello “sbirro morto”, D’Arco, tra la città dei vivi e quella dei morti e tra le città di confine dei…

Continua a leggere >
David Szalay, Turbolenza

David Szalay, Turbolenza

  Meritatamente celebrato per il suo precedente romanzo (Tutto quello che è un uomo), David Szalay ripropone un altro testo circolare, di notevole suggestione, costituito da brevi racconti connessi fra loro (il personaggio, apparentemente marginale, che entra in scena per ultimo, riceve il testimone e diventa il protagonista del segmento narrativo successivo) formando una storia…

Continua a leggere >
Francesco Pecoraro, Lo stradone

Francesco Pecoraro, Lo stradone

La vita in tempo di pace, dello stesso autore, è, a mio parere, uno dei romanzi italiani più importanti dell’ultimo decennio. In questa sua nuova, eccellente, opera letteraria, Pecoraro coniuga l’esperienza personale dell’io narrante con il paesaggio romano dello “stradone” e dell”ansa”, fortemente, emotivamente vissuto, in quanto legato anche all’esperienza del proletariato urbano operaio che…

Continua a leggere >