Il rapimeto di Edmond Jàbes

Home / Luca Sossella / Il rapimeto di Edmond Jàbes

Con Jàbes io posso dire fu rapimento. E quando una scrittura di rapisce? Ovvio, quando ti nomina in tua vece.

Ieri ho ripreso in mano, grazie a un giovane amico, Dal deserto al libro, la conversazione “di” Edmond Jàbes “con” Marcel Cohen, (di e con e non fra), dice: L’idea di andare a vivere in Israele non mi ha mai sfiorato.

Forse in questo c’è qualcosa di ancor più profondo e che viene costantemente affrontato nei miei libri, ossia la mia viscerale ripugnanza ad ogni forma di radicamento. Ho l’impressione di avere un’esistenza solo fuori da ogni appartenenza. Questa non appartenenza è la mia sostanza stessa. Forse non ho da dire nient’altro che una tale dolorosa contraddizione: io aspiro come tutti ad un luogo, a una dimora, e nel contempo non posso accettare quel che viene offerto. […] Un tale rifiuto non è un atteggiamento deliberato ma una disposizione profonda, contro cui io stesso lotto e che cerco di chiarire. Questa non appartenenza, con la disponibilità che mi concede, è anche ciò che mi avvicina all’essenza stessa dell’ebraismo […] Ciò può apparire paradossale, ma senza dubbio è proprio in questa rottura – in questa non appartenenza alla ricerca della propria appartenenza – che io sono più ebreo.

Derrida nel suo dialogo con Roudinesco, De quoi demain, dice: Questa incalcolabile molteplicità interiore […] mi fa riflettere sulla mia appartenenza e al tempo stesso sulla mia non appartenenza all’ebraismo. D’altra parte, non credo che questa disgiunzione o non-identità a sé sia un aspetto puramente o esemplarmente ebraico; ma chi oserà pretendere che non si tratti anche di un aspetto decisamente ebraico?

Luca Sossella

Satisfiction compie 10 anni!!!

Dieci anni di libertà editoriale, di libertà editoriali di inediti, rubriche, anteprime, recensioni. Satisfiction è sempre rimasta accessibile a tutti.
Se pensi che la conoscenza che ti ha dato Satisfiction valga 2 €, dedicaci un minuto per fare una donazione. Dimostra quanto la conoscenza libera e gratuita sia importante. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno donato, ti ringraziamo di cuore.