John Lennon inedito: contro l’ipocrisia dei critici.

Home / Inediti / John Lennon inedito: contro l’ipocrisia dei critici.

“L’arte non vive nel 19° secolo perché una delle cose contro cui il “mondo dell’arte” ha combattuto nel corso dei secoli è il pettegolezzo borghese e ipocrita della “gente grigia”…”.
Così scrive John Lennon in una lettera, ad oggi inedita in Italia, datata 27 settembre 1971. La lettera, battuta all’asta da Christie’s, fu inviata dal cantante al quotidiano “The Post Standard” di Syracuse dopo la pubblicazione dell’editoriale “Art or Hokum?”
Nell’intervento un anonimo giornalista criticò pesantemente la scelta del museo Everson di ospitare la prima grande mostra personale di Yoko Ono, considerandola una grave caduta di stile a favore della risonanza pubblicitaria dell’evento. La personale, scriveva l’anonimo editorialista, non si doveva ai meriti artistici di Yoko Ono, ma al fatto che fosse la moglie di uno dei Beatles. A tale proposito polemizzava ulteriormente ricordando come i Beatles, che si erano sciolti appena pochi mesi prima, fossero stati definiti anni prima dallo stesso Lennon come “più famosi di Gesù Cristo”.
(Il testo dell’articolo originale del Post Standard si può trovare ancora on line:  The Post Standard )
Claudia Bertozzi
 
John Lennon. Contro l’ipocrisia dei critici.
Caro anonimo, chiunque tu sia, che hai scritto di ciarlataneria e ARTE,
mi ero dimenticato che esistesse gente come te!

Beh, invece esistete ancora, sparsi in altre cittadine in giro per il mondo…
Mi chiedevo cosa c’entrasse quello che il marito dell’artista ha detto, quattro o cinque anni fa, con la mostra di Yoko Ono “This is not here” all’Everson Museum?
Vorrei anche sapere da quando un fantasma senza nome al Post Standard rappresenti il cosiddetto mondo dell’arte? 
Io e Yoko siamo molto vicini a diversi artisti (noi siamo artisti!) e, come artisti, possiamo dirvi che l’arte non vive nel 19° secolo, e che una delle cose contro cui il “mondo dell’arte” ha combattuto nel corso dei secoli è il pettegolezzo borghese e ipocrita della “gente grigia” (o dei Biechi Blu!)
La società apprezza solo gli artisti morti. 
Temo proprio che io e Yoko non siamo in grado di accontentarvi.
Con amore, nonostante tutto.

John & Yoko

P.S.: Perché non venite a vedere la mostra? Sono sicuro che l’uomo che ritenete io abbia insultato avrebbe porto l’altra guancia e ci sarebbe venuto.

P.S. Avete dimenticato di menzionare uno degli altri membri del gruppo (George Harrison), che è sempre stato profondamente religioso e fervente discepolo di Cristo? Hare Krishna, e così sia.
John Lennon