Mariko Tamaki e Steve Pugh. Harley Quinn. Gotham arrivo!

Home / Recensioni / Mariko Tamaki e Steve Pugh. Harley Quinn. Gotham arrivo!

Salita nella classifica delle preferenze adolescenziali femminili grazie a un paio di pellicole dimenticabili, Harley Quinn è una simpatica canaglia dell’universo supereroistico DC, precisamente quello di Batman. Canaglia pazzarella che esisteva già da prima dei film, già riscuoteva attenzioni, ma la potenza del filmico, si sa, è seconda a nessuno.

Quindi Harley Quinn pare trovare nuova vita (e naturale atteggiamento psicotico) fuori dalle pagine dei fumetti.

È lì che però resta saldamente ancorata, offrendo tutta la sua duttilità di personaggio nato per l’arte sequenziale. Ne è riprova Harley Quinn. Gotham arrivo!, volume che la casa editrice Il Castoro (un grande trascorso nella saggistica cinematografica) ha pubblicato, prelevandolo dalla collana DC Graphic novels for Young adults.

Scritto dalla pluripremiata Mariko Tamaki (fra le altre migliore scrittore di fumetti agli Eisner Awards 2020 del San Diego Comic-Con di qualche mese fa) e disegnato da Steve Pugh, il graphic rinarra le origini del personaggio in chiave appetibile agli adolescenti. Per fare questo, stacca Harleen Quinzel da quanto le storie pregresse ci hanno detto di lei.

Voglio dire: chi se la ricorda psichiatra nel “manicomio” di Arkham Asylum, qui se la ritrova come una ragazzina sui quindici anni, relativamente disturbata (diciamo molto incazzata) nella sfera psichica, che la madre spedisce dalla nonna a Gotham city perché impegnata a lavorare su navi da crociera.

Ma da subito scopriamo che la nonna non è più. Al suo posto Mama e un manipolo di altre drag queen.

Come si può capire, la storia non è puntata sul tradizionale, bensì cerca di parlare a un pubblico disponibile a seguire e approfondire tematiche attuali: un pubblico quindi più giovane. Per questo in Gotham arrivo! le questioni legate al mondo LGBT si legano ad altre che parlano di ambiente, femminismo, gentrificazione e via così.

Tornando al graphic novel, la nostra (anti)eroina vivrà con Mama e col gruppo delle sue sodali, andrà in una scuola dove stringerà amicizia con Ivy (eco lontanissima di una altra villain: Poison Ivy), lotterà contro John Kane, il figlio antipatico dei melliflui proprietari della Millenium developements, multinazionale che vuole rivoltare il quartiere di Harley dalle fondamenta. Infine si invaghirà del Joker quasi come da copione. Gli elementi alla base di questo personaggio ci sono tutti. Mancherebbe Batman, ma… Diciamo che stiamo parlando di un mondo popolato da figure ragazzine, da protagonisti in fieri. Quindi ok alla Wayne enterprise, no a Batman. Ovviamente non vi sono le epiche superscazzottate fra supertipi a inzeppare le pagine, quelle cose che fan diventare un qualsiasi racconto provvisto di trama la piatta rappresentazione grafica di un moderno “sparatutto” cinematografico (tipo John Wick 3-Parabellum).

Qui siamo sul versante del romanzo di formazione, che la canadese Tamaki gestisce egregiamente facendo evolvere il personaggio principale senza snaturarlo. Insomma, riesce a dare un volto fresco a un personaggio molto strutturato, lasciandogli riconoscibile lo spirito pur facendolo passare dalla parte dei buoni-o-quasi. Questo senza mai abbandonare il timone del racconto, che resta concentrato sui fatti e sulla credibilità degli attori in scena ben trasposta in italiano dalla traduzione di Carla Roncalli di Montorio e ottimamente sostenuta dal lettering pulito di Maria Letizia Mirabella.

Le tavole di Steve Pugh vanno nella stessa direzione. Illustrano la storia con stile realistico dando risalto ai volti e alle situazioni. A colpire però è soprattutto la frammentazione delle inquadrature, che l’artista inglese mette in campo così da rompere la staticità di alcune situazioni, e l’uso dei colori capace di sottolineare lo stato emotivo in cui è immersa in quel preciso momento Harley Quinn.

I nove capitoli di Gotham arrivo! danno spazio a un racconto di ampio respiro, uno di quelli che si rileggono volentieri, anche se non contengono gli improbabili costumi in spandex per cui il mondo supereroistico si vanta essere il creatore assoluto.

Sergio Rotino

Recensione al libro Harley Quinn. Gotham arrivo! di Mariko Tamaki e Steve Pugh, Editrice Il Castoro 2020, pagg. 208, € 16,50