Pietro Trapassi, ovvero Metastasio

Home / Luca Sossella / Pietro Trapassi, ovvero Metastasio

Metàstasis vale cambiamento, mutamento, andare oltre lo stato in cui si è. Ripensare al melodramma nella lingua italiana. Pietro Trapassi (ovvero la riforma del melodramma) prende il nome di Metastasio e compone opere su opere e, a parte Didone abbandonata (un mio talismano), ha scritto un sonetto, nel mezzo di cammin di sua vita, nel 1733, che tradotto mi pare di una modernità “agghiacciante”:

Sogni, e favole io fingo; e pure in carte

mentre favole, e sogni orno, e disegno,

io lor, folle ch’io son, prendo tal parte,

che del mal che inventai piango, e mi sdegno.

Ma forse, allor che non m’inganna l’arte,

piú saggio io sono? È l’agitato ingegno

forse allor piú tranquillo? O forse parte

da piú salda cagion l’amor, lo sdegno?

Ah che non sol quelle, ch’io canto, o scrivo,

favole son; ma quanto temo, o spero,

tutto è menzogna, e delirando io vivo!

Sogno della mia vita è il corso intero.

Deh tu, Signor, quando a destarmi arrivo,

fa ch’io trovi riposo in sen del Vero.