Pinocchio e il punto di vista

Home / Luca Sossella / Pinocchio e il punto di vista

Al Palazzo delle esposizioni di Roma ho visto una sala con tanti Pinocchio di Jim Dine, uno più bello e inquietante dell’altro. E dove è andata subito la memoria? A Paolo Fabbri che su Pinocchio aveva sempre la penultima parola, e se una cosa mi brucia è di non poter più realizzare (senza di lui che senso ha?) quel Concerto pinocchiesco che volevamo.

Innanzi tutto bisogna ricordare subito che è la Fata a mentire e non Pinocchio, e poi, come diceva Paolo, ricordando Petruska di Stravinskij, le marionette ballano e chi ha visto le marionette che ballano a un certo punto alza la testa e vede che là in alto c’è un’altra marionetta che lo guarda, e nulla ci impedisce di immaginare che da un’altro punto di vista qualcuno guarda chi guarda senza essere visto.

Satisfiction compie 10 anni!!!

Dieci anni di libertà editoriale, di libertà editoriali di inediti, rubriche, anteprime, recensioni. Satisfiction è sempre rimasta accessibile a tutti.
Se pensi che la conoscenza che ti ha dato Satisfiction valga 2 €, dedicaci un minuto per fare una donazione. Dimostra quanto la conoscenza libera e gratuita sia importante. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno donato, ti ringraziamo di cuore.