Robert Heinlein inedito. Vuoi sparare al tuo vicino? Fallo e coi soldi paghiamo la vedova

Home / Inediti / Robert Heinlein inedito. Vuoi sparare al tuo vicino? Fallo e coi soldi paghiamo la vedova
Robert Heinlein

Robert Anson Heinlein è considerato, insieme a Isaac Asimov e Ray Bradbury, tra i fondatori della fantascienza moderna. Lo scrittore americano -nato a Butler nel 1907, Missouri, e morto nel 1988 – con i suoi romanzi ha spesso raccontato un futuro ambientato negli incubi di una moderna dittatura democratica. “Il terrore della sesta luna” (1951), “La luna è una severa maestra” (1966) e “Straniero in terra straniera” (1961) hanno suscitato aspre polemiche e un grandissimo consenso di pubblico. Le sue posizioni sono sempre state drastiche nei confronti della democrazia come la conosciamo: in questo scritto inedito del 1955, pubblicato per la prima volta in Italia nella traduzione di Michele Crescenzo, sono riassunte quasi tutte le idee che poi racconterà nei suoi libri. La sensazione di vivere in una dittatura democratica che alla schiavitù ha sostituito armi più sottili: come il farci sognare ad occhi aperti attraverso leggi, ribellioni, presunta libertà, presunta giustizia, presunta autonomia negli acquisti e nei divertimenti, il libero credo in ogni culto e religione. Una libertà ad aria condizionata, una libertà da quale un uomo veramente libero dovrebbe fuggire, anziché crederci a occhi chiusi o credere in quel peep-show che sono diventate le elezioni. Heinlein, spesso accusato di fascismo soprattutto negli Stati Uniti, ha soltanto dimostrato nei suoi romanzi, che invito a leggere perché sono dei capolavori anche per chi non ama la fantascienza, come il libero arbitrio sia un valore continuamente minato da fattori esterni, da regole e leggi. In questo scritto troverete l’Heinlein più estremo: in realtà non vuole proporre delle soluzioni, chiaramente dettate dal suo genio, ma far nascere delle domande nel lettore che, davvero, non può che fare a meno di porsi degli interrogativi. Il tutto scritto con l’ironia tipica di Heinlein, con il suo accusare le istituzioni di incarcerarci in un mondo dove hanno più libertà persino i gatti.

Gian Paolo Serino

#

Broadmoor

Colorado Springs, Colorado

10 Gen 1955

Sono felice di vivere in questa idilliaca torre d’avorio, circondato da montagne innevate, cervi, fagiani cinesi, alti pini, e il silenzio. Uno scrittore ha bisogno di silenzio, ma ha bisogno anche di conversazioni stimolanti.

Mi piacerebbe creare una società dove non ci sono reati penali, ma solo reati civili, vale a dire, c’è un prezzo su tutto, è possibile cercarlo nel catalogo e saldare il debito. Si vuole sparare il tuo prossimo? Vai avanti e spara al bastardo. Lui ha una valutazione economica precisa; depositare il denaro in banca entro 24 ore e con quei soldi si pagherà la vedova. La morale consisterebbe nel non cercare di farla franca. Le buone maniere comporterebbero nel fatto che nessuno sarebbe disposto a pagare il prezzo di listino per uccidere. Naturalmente se la tua valutazione è bassa e le buone maniere sono spicce, le vostre probabilità di sopravvivenza sono in discesa.

C’è un’altra società in cui se un uomo uccide un altro uomo, accidentalmente o di proposito, lui deve sostituire il defunto, e prendere anche sua moglie e il suo nome. Ovviamente il nostro non è l’unico modo di guardare alla criminalità; forse siamo prevenuti. Questa idea potrebbe essere sviluppata da un uomo che odia il governo, ogni autorità, anche se non ne è pienamente consapevole e pensa che con il denaro non si possa sbagliare.

Quali sono le minime funzioni, quelle indispensabili per un governo? Quali funzioni sono presenti in tutte le società umane? È possibile dare un nome tutto ciò che succede in una società che non è solo diverso ma contrario in un altra? O non lo è per tutti? C’è mai stata una società veramente anarchica? Gli eschimesi, forse? Abbiamo un quotidiano anarchico in questa città, che si oppone alle strade pubbliche, scuole pubbliche, pubblica qualsiasi cosa: sostiene che non è etico per la maggioranza fare qualcosa insieme che non si ha già il diritto di farlo come un individuo. Questo è un concetto esplosivo; un corollario è che tutta la tassazione è sbagliata, tutte le leggi urbanistiche sono sbagliate, tutta l’istruzione obbligatoria è sbagliata, le punizioni da parte dei giudici sono sbagliate. Nel frattempo viviamo in una società ben sorvegliata. Ma una cosa è certa: molte delle cose che diamo per scontate non sono necessarie per una società stabile, ma noi non li mettiamo mai in discussione.

Il problema centrale della filosofia, della religione, di tutta la psicologia è che è un qualcosa di così diffuso e così difficile con cui fare i conti che è in gran parte ignorata, proprio come i pesci ignorano l’acqua.

I solipsisti trattano con loro con il risultato che tutto è diventato un mondo egoista (e così ero anch’ io). È il problema dell’ ego individuale, la consapevolezza dell’ “Io. “È all’interno del nostro cranio. Quanto tempo è stato lì? Sempre. Quanto tempo ci sarà? Sempre. Tutto cambia – il corpo, anche il pene e le palle ma l “Io​​” rimane: l’unica cosa immutabile … e una cosa del tutto presente in tutta la filosofia, in ogni religione. Fino a quando noi non sappiamo come la coscienza aggancia la materia e perché e da dove viene, non sappiamo nulla.

Da quando avevo circa sei anni ho avuto il sospetto che ogni coscienza è una e che tutti gli attori che vedo intorno a me (compresi i miei nemici) siano me stesso: diverse declinazioni di me.

Non esiste nessun’altra soluzione per il problema dell’ego che dire (come si può, o non può) che il serpente mangia eternamente la propria coda. Non abbiamo ancora rappresentato il serpente. Korzybski ha sottolineato che un fatto non ha bisogno di “perché”. Questo dà un adeguamento razionale al mondo che viviamo .. ma non risolve i problemi filosofici.

Non c’è nulla di buono nel tuffarsi nel proprio ombelico. È sano per indicare le domande; non è bene prendere in giro se stessi sulle risposte. Per inciso, tutte le religioni rispettabili sono fondate su questo punto: che è virtuoso e obbligatorio che bambino cerchi in se stesso le risposte, cioè, è necessario avere “fede”.

Merde! – quadrate e tagliate a cubetti. Le risposte non si trovano cantando l’inno numero quarantasei della bibbia e nemmeno nelle battaglie con gli uomini spaventapasseri.

Ci sarebbe un inferno di società se ci fosse un gruppo, grande o piccolo, di illuminati che davvero sapessero cosa succede dopo la morte (rispetto ai truffanti che abbiamo oggi), e che di conseguenza avesse diverse motivazioni da quelle che esistono nel modo in cui viviamo siamo ora.

La scienza non spiega nulla. Si limita a formulare i dati osservati.

Una statistica del Dipartimento del Commercio è come giocherellare con un nuovo computer digitale, che esegue alcuni dati dell’ultimo censimento. Non ci sono dubbi; la macchina dice che ci sono i bambini con più capelli rossi di quelli che ci dovrebbero essere. Ci deve essere qualche errore nei dati: la macchina non può essere sbagliata.

Oggi vendono sogni. L’euforia, insieme alla nostra fantasia, è garantita. Le democrazie non sembrano un pericolo, né sembrano dannose come le dittature, ma danno assuefazione perché questi sogni sono molto meglio della realtà.

I gatti hanno fatto una bella vita per 7000 anni, senza nemmeno preoccuparsi di lusingare nessuno.

Robert Heinlein

(traduzione di Michele Crescenzo)