Benvenuto su Satisfiction   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Satisfiction

Author: Pierangelo Consoli

Home / Articles posted by Pierangelo Consoli
Marcel Proust. I piaceri e i giorni

Marcel Proust. I piaceri e i giorni

La scelta degli studi universitari avviene in età fragile. Poiché non è facile, a diciannove anni, sapere chi si è, questa scelta viene fatta talvolta a naso, salvo poi concedersi la possibilità di ricominciare quando lo spettro della personalità assume contorni più nitidi. Per questo, alcuni tra i più concreti, che potremmo definire escatologici, scelgono…

Continua a leggere >
Éric Chevillard. Santo cielo

Éric Chevillard. Santo cielo

Per quanto mi riguarda, la morte ha a che fare con i Joy Division e con Atmosphere, più precisamente. Non solo perché la voce di Ian Curtis scava un metro di fossa ad ogni verso, quanto piuttosto per il freddo e la desolazione del paesaggio che questa canzone suggerisce. Poiché non sono abituato a ragionare…

Continua a leggere >
Johan Mijail. Chapeo

Johan Mijail. Chapeo

Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia, affamate nude isteriche, trascinarsi per strade di negri all’alba in cerca di droga rabbiosa… Questi celebri versi di Urlo, di Ginsberg sono il modo più semplice per introdurre un libro altrettanto poetico e altrettanto forte come Chapeo, di Johan Mijail, edito dalle edizioni Arcoiris,…

Continua a leggere >
Benedetta Cibrario. Per ogni parola perduta

Benedetta Cibrario. Per ogni parola perduta

Nel 2019 Benedetta Cibrario stupisce tutti con Il rumore del mondo. Aveva già pubblicato con gli editori più importanti di questo paese, ma Il rumore del mondo arriva in finale al premio Strega e questo, pare, non se lo aspettasse quasi nessuno. Mondadori, che aveva già pubblicato quel libro meraviglioso, la ripropone con Per ogni…

Continua a leggere >
Diana Ligorio. Mia e la voragine

Diana Ligorio. Mia e la voragine

Sono figlio di un medico, lo è ance mio zio e mio fratello. Non contento, ne ho sposato uno. Se c’è una cosa che so fin da quando sono nato, è cosa significhi stare accanto ad una persona che sente la responsabilità verso qualcun altro, più gravosa di quella che sente di avere verso di…

Continua a leggere >
Angelica Gorodischer. Kalpa Imperial

Angelica Gorodischer. Kalpa Imperial

Sono in un paese al buio, dentro una villa in campagna, alle cinque del mattino. Non vi dirò come ci sono finito perché non è importante però vi dirò che essendo un pigro ostinato e dormiglione ho sempre creduto che la vita si consumi all’alba e mai al tramonto e, per questo, un crepuscolo dopo…

Continua a leggere >
Roberto Addeo. Murati vivi

Roberto Addeo. Murati vivi

Alcuni libri hanno le pagine trasparenti e se le metti controluce ti sembra di vedere lo scrittore, concedendoti il lusso di fraintendere. Roberto Addeo autore di Murati vivi, romanzo edito da TranseuropA Edizioni, mi appare come una di quelle persone che camminano ad occhi spalancati, che vedono molto e lo sentono addosso. Non sono persone…

Continua a leggere >
Roberto Bolaño. Notturno Cileno

Roberto Bolaño. Notturno Cileno

Roberto Bolaño morì. Aveva cinquant’anni. Per tutta la vita non era stato nessuno e questo gli fu di grande aiuto quando, cinque anni prima di sparire, dissero che era il più grande scrittore latinoamericano del secolo nuovo. Era poeta e aveva imparato ad esserlo nella sconfitta, nonostante la sconfitta, quella bruciante, quella senza nessun appello,…

Continua a leggere >
Douglas Stuart. Il giovane Mungo

Douglas Stuart. Il giovane Mungo

Quando arrivai a Dublino, trovai casa in uno di quei quartieri popolari che stanno al Regno Unito come i bassi a Napoli e i portici a Bologna. Era una villa che si affacciava su un labirinto di mattoni rossi e finestre quadrate, in mezzo a strade desolate dove la luce è crepuscolare e spenta come…

Continua a leggere >
Patricia Squires. Il fantasma nello specchio

Patricia Squires. Il fantasma nello specchio

Sono cresciuto vicino ad una casa stregata. Era una casa canonica. Il prete, che viveva al piano di sopra, ci disse che ci aveva abitato una donna in quella casa, che era paralitica e che era stata sepolta nel giardino antistante. C’era una sedia a rotelle, nel garage, che avrebbe dovuto dimostrarlo. Noi eravamo dei…

Continua a leggere >
Click to listen highlighted text!