Benvenuto su Satisfiction   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Satisfiction

Author: Domenico Paris

Home / Articles posted by Domenico Paris
Giovanni Rossi. Marilyn Manson. Il rock è morto

Giovanni Rossi. Marilyn Manson. Il rock è morto

Contrariamente al solito, parlando di questo notevole “Marilyn Manson. Il rock è morto” di Giovanni Rossi (Tsunami Edizioni, 2022, € 22), non si può fare a meno di partire dalla sua fine, in cui l’autore, con assoluta dovizia di particolari, enumera tutte le denunce per molestie sessuali “collezionate” negli ultimi anni dal protagonista di queste…

Continua a leggere >
Chuck Kinder. Snakehunter

Chuck Kinder. Snakehunter

Ci sono scrittori che impiegano anni e diverse prove sulla breve e lunga distanza prima di arrivare a proporre un loro stile compiuto, pienamente identificativo. Li leggi nelle varie fasi della loro carriera e spesso non puoi fare a meno di chiederti come abbia fatto quell’autore in erba, che licenziava racconti o romanzi disseminati di…

Continua a leggere >
Queste Montagne bruciano. Intervista a David Joy

Queste Montagne bruciano. Intervista a David Joy

Autore di diversi romanzi e racconti, nonché collaboratore di Time e di New York Times Magazine, David Joy ha pubblicato circa due anni fa negli Stati Uniti il bellissimo “Queste Montagne bruciano” (Jimenez Edizioni, 2022, pp. 263, € 19), riscuotendo un considerevole successo di pubblico e critica e aggiudicandosi il prestigioso Dashiell Hammet Crime, che…

Continua a leggere >
Jake Brown. Dust n’ Bones

Jake Brown. Dust n’ Bones

Che del nucleo storico dei Guns and Roses, Izzy Stradlin fosse non un semplice comprimario dei più appariscenti Axl Rose e Slash ma la vera e propria colonna portante (perlomeno da un punto di vista strettamente creativo), si può dire che ogni vero fan del gruppo lo abbia sempre saputo e sia pronto a riconoscerlo…

Continua a leggere >
Mark Lanegan. Sing backwards and weep

Mark Lanegan. Sing backwards and weep

Quanto può durare la “stagione all’inferno” vissuta da una singola persona? E, una volta passata (se effettivamente è lecito dire così), come raccontarla senza indulgere in una certa compiacenza da “superstite apparentemente superdotato” alla maniera di molte rockstar col vizio dell’autocelebrazione su carta? Se volete trovare una risposta sincera a queste domande e siete convinti…

Continua a leggere >
Click to listen highlighted text!