Iosif Aleksandrovič Brodskij: Fondamenta degli incurabili

Home / Così comincia / Iosif Aleksandrovič Brodskij: Fondamenta degli incurabili

josif_brodskij.preview
Molte lune fa il dollaro era a quota 870 e io ero a quota 32. Il globo era anch’esso più leggero – due miliardi di anime in meno -, e il bar della Stazione, in quella gelida sera di dicembre, era deserto. Lì, in piedi, aspettavo che venisse a prendermi l’unica persona che conoscevo in tutta la città. Il tempo passava, e lei non si faceva vedere.
Ogni viaggiatore conosce questo guaio: questo misto di sfinimento e di apprensione. È il momento in cui fissi attonito quadranti di orologi e tabelle di orari, analizzi il marmo varicoso sotto i tuoi piedi, inali ammoniaca e quel torbido odore che si sprigiona dalla ghisa delle locomotive nelle gelide notti d’inverno.


Iosif Aleksandrovič Brodskij

Fondamenta degli incurabili

traduzione di Gilberto Forti