Tommaso Landolfi: La pietra lunare

Home / Così comincia / Tommaso Landolfi: La pietra lunare

“Buonasera, buonasera, da quanto tempo! Come va?” Lo zio, in maniche di camicia e con certi pantaloni incartapecoriti che gli torcevano le gambe come quelle dei cavallerizzi, reggendo la porta con una mano, coll’altra faceva grandi gesti di benvenuto e poi d’invito a entrare. Dietro di lui, come in un affresco del Ghirlandaio, si vedevano spuntare le teste degli altri componenti la famiglia: la zia, il cugino, la cugina, il piccolo figlio di costei, sul cui capo s’espandevano larghe croste di sudicio e che rideva, fra le braccia della mamma, con un’aria di furberia abortita; da ultimo la zucca morbosamente apatica del fratello della zia.

Tommaso Landolfi

La pietra lunare

images

Tommaso Pincio “Ritratto gotico di Tommaso Landolfi” 2012, tecnica mista su tavola