P.A.Z.

Home / Archive by category "P.A.Z." (Page 2)

Poetry Autonome Zone.
Lello Voce.
Rubrica dedicata a riflessioni su poesia, spoken music e poetry slam.

Chi di romanzo ferisce, di romanzo perisce.

Chi di romanzo ferisce, di romanzo perisce.

Per qualche tempo me ne sono andato in giro sui social network (sostanzialmente Facebook e Twitter) a spammare in giro frasi provocatorie contro il romanzo. Poi son rimasto nell’angolo, a vedere l’effetto che faceva… Ne ho dette di tutti i colori, sin che da un popolo di romanzieri e lettori di romanzi, abituato com’è a…

Continua a leggere >
La poesia è un nome.

La poesia è un nome.

Parliamo un po’ di aggettivi e sostantivi… Che l’attributo “poetico” abbia sempre avuto una sua certa ‘allure’ prostituzionale è indubbio. Da tanto tempo ormai moltissime cose, che non hanno niente a che vedere con la ‘poesia’, sono ‘poetiche’. 
Sono poetici film, pièce teatrali e quadri, balletti e – ovviamente – romanzi e canzoni, ma sono…

Continua a leggere >
È Natale: il Corsera fa poesia!

È Natale: il Corsera fa poesia!

E’ proprio vero che le strade che menano all’Inferno sono lastricate di buone intenzioni. Sicuramente erano buone le intenzioni del Corsera nel lanciare una nuova collana di libri di poesia che si possono acquistare in edicola, insieme al quotidiano. E’ Natale e a Natale siamo tutti più buoni, tanto buoni da arrivare alla follia di…

Continua a leggere >
Poeti con la protesi (in chiave di violino)?

Poeti con la protesi (in chiave di violino)?

Recentemente, un bravo poeta, Valerio Magrelli, polemizzando con l’ipotesi che il premio Nobel della letteratura potesse essere assegnato a Bob Dylan è insorto, sostenendo che Dylan non è un poeta, poiché le sue parole sono accompagnate dalla musica, e dunque giocherebbe sporco, sarebbe un ‘poeta con la protesi’. Cito letteralmente: «proporre Dylan è un’idea insensata e…

Continua a leggere >
CERTI POETI SON ‘MUTI DI GUERRA’

CERTI POETI SON ‘MUTI DI GUERRA’

È un po’ di tempo che in Italia è sempre più diffuso l’antropotipo del ‘poeta con posteggia’, come chiamano a Napoli l’orchestrina girovaga che allieta i pranzi in pizzeria.

Sia chiaro: non mi riferisco ai colleghi, e ce ne sono di eccellenti anche in Italia, che fanno spoken word, o spoken music. No. Mi tirerei la…

Continua a leggere >