Recensioni

Home / Archive by category "Recensioni"
Stefano Sgambati. I divoratori

Stefano Sgambati. I divoratori

I divoratori di Stefano Sgambati è un romanzo sottocutaneo, claustrofobico, ambizioso. Con una scrittura chirurgica, l’autore racconta gli istinti, le fragilità e le voglie che pulsano sotto la pelle dei protagonisti, che spingono per diventare azioni. Anche indecenti. Anche dolorose. La storia è ambientata quasi tutta nell’arco di una cena al prestigioso Palazzo Senso – ristorante…

Continua a leggere >
Massimiliano Nuzzolo. L’ultimo disco dei Cure

Massimiliano Nuzzolo. L’ultimo disco dei Cure

Urgenze e bilanci, slanci non ancora sopiti che fanno a pugni con una stanchezza interiore difficile da combattere. Noia, resurrezioni improvvise e una sola certezza: trent’anni sono davvero un’età complicata con la sua prospettiva di necessaria maturità incombente e la porta su un passato “giovane” perennemente spalancata. Lo sa bene Pietro, il protagonista del libro…

Continua a leggere >
Marina Stepnova. Malia d’Italia

Marina Stepnova. Malia d’Italia

«E tu cosa sognavi? Malja non rifletté nemmeno un istante: vivere. In che senso? Ho sempre sognato di vivere e basta, capisci? È la cosa più interessante. Vivere. Viaggiare. Fermarsi dove si vuole. Ripartire. Guardare. Vivere.» L’editore Voland porta in Italia l’ultimo romanzo di Marina Stepnova, scrittrice russa celebrata in patria, vincitrice di svariati premi…

Continua a leggere >
Marta Barone. Città sommersa

Marta Barone. Città sommersa

Marta Barone, già autrice di libri per ragazzi al suo esordio narrativo per Bompiani con Città sommersa (pagg. 304, euro 18) semifinalista al Premio Strega 2020, attinge nel suo romanzo a quella memoria familiare e collettiva che tutti abbiamo e sovente risulta difficile indagare. Una memoria quella di Marta che affonda le radici nella storia…

Continua a leggere >
Ursula K. Le Guin. La saga di Terramare

Ursula K. Le Guin. La saga di Terramare

“La mappa era una metafora, un’astrazione dalla realtà”. R. Silverberg, Mutazione “Lo aspettava Ogion, che allungò una mano verso di lui e, stringendolo per un braccio bisbigliò all’orecchio il suo vero nome: Ged”. Semper in angaria “Solo nel silenzio la parola, solo nella tenebra la luce, solo nella morte la vita; fulgido il volo del…

Continua a leggere >
Tommaso Ebhardt. Sergio Marchionne

Tommaso Ebhardt. Sergio Marchionne

Dicevano i Romani che la Storia è il più grande racconto mai narrato. Opus Oratorium Maxime. È qualcosa che sovrasta anche il più grande dei romanzi, la più superba delle avventure, perché unisce in sé la varietà dei caratteri, la loro imprevedibilità, alla forza bruta dello smisurato – di ciò che tende all’infinito, e per…

Continua a leggere >
Ota Pavel. La morte dei caprioli belli

Ota Pavel. La morte dei caprioli belli

I lettori italiani non sono particolarmente affezionati al racconto. Strano, perché la nostra tradizione letteraria è legata alla poesia e, anche quando si tratta di prosa, a forme distanti dal romanzo fluviale di altre tradizioni letterarie a noi vicine. La morte dei caprioli belli di Ota Pavel è una nuova, imperdibile occasione per gustare una…

Continua a leggere >