WordKlouds

Home / Archive by category "WordKlouds"

“I think that comics are closer to a combination of poetry and design.”
Seth, Poetry 2010
Che fumetto e poesia potessero avere qualcosa in comune non è certo
una novità che necessitasse di una definizione: già Krazy Kat di
George Herriman lo aveva reso chiaro sin dai primi passi della storia del fumetto.
E’ solo di recente però che Poetry Comics è diventato anche il nome che indica le opere nate dalla collaborazione di alcuni autori di fumetti e poeti, per lo più a partire dagli Stati Uniti. L’autorevole Poetry Foundation è la prima ad aver iniziato a parlarne all’inizio del nuovo millennio, chiamando a raccolta alcuni autori di fumetti perché si cimentassero nella trasposizione di alcune poesie in tavole e vignette. E’ così che ad accettare la scommessa del Poetry Comics sono stati alcuni tra i più noti autori del fumetto alternativo come Paul Hornschemeier e Jeffrey Brown, illustrando testi, tra gli altri, di Ted Kooser e Russel Edson.
E’ solo successivamente che comincia a crearsi una vera e propria scena di poeti e fumettisti che interagiscono tra loro per creare opere di Poetry Comics, tra cui Paul K. Tunis e Bianca Stone, e così altri autori di grosso calibro, quali Rich Veitch, hanno iniziato a interessarsi a questa interessante commistione di linguaggi.
Dopo la pubblicazione di Piccola Cucina Cannibale,la prima organica opera di Poetry Comics realizzata in Italia, con Wordklouds, nuova rubrica di Satisfiction, Lello Voce e Claudio Calia propongono anche al pubblico italiano di innamorarsi del Poetry Comics, promettendo di sfruttare l’occasione anche per presentare autori in versi di altissima qualità, ma non sempre ben conosciuti dal grande pubblico.
WordKlouds
di Lello Voce & Claudio Calia

Per la prima volta la poesia diventa fumetto.

Per la prima volta la poesia diventa fumetto.

Gerald Manley Hopkins , (Stratford, 28 luglio 1844 – Dublino , 8 giugno   1889) , gesuita inglese e poeta geniale, fu capace con il suo ‘sprung rythm’ di rinnovare profondamente la lirica anglosassone e soprattutto di iniziare un nuovo cammino di oralità in poesia. Si può considerare uno dei poeti più audacemente sperimentali della letteratura…

Continua a leggere >