Author: Andrea Lombardi

Home / Articles posted by Andrea Lombardi
“Arrestate il collaborazionista Céline!”

“Arrestate il collaborazionista Céline!”

Louis-Ferdinand Céline compare in due rapporti di polizia presso la Questura di Parigi, redatti in due periodi diametralmente diversi: il primo, infatti, è del 1928, e riguarda il dottor Destouches non ancora diventato Céline. La Questura si interessa all’allora trentaseienne medico, domiciliato al 36 di Rue d’Alsace a Clichy, banlieue rossa di Parigi, arrivatovi quell’anno…

Continua a leggere >
I pamphlet antisemiti di Louis-Ferdinand Céline e la Collaborazione franco-tedesca

I pamphlet antisemiti di Louis-Ferdinand Céline e la Collaborazione franco-tedesca

Il dialogo franco-tedesco degli intellettuali. Il caso Louis-Ferdinand Céline[1] di Joseph Jurt Dopo l’incontro tra giovani tedeschi e francesi avvenuto a Sohlberg, nella Foresta Nera, nel 1930, Otto Abetz, il presidente delle Jugendverbände, e Jean Luchaire, editore di Une Generation Rèaliste e direttore del giornale briandistico Notre Temps, fondarono nel 1930 il Sohlbergkreis, che doveva…

Continua a leggere >
Céline, il Dottor Semmelweis e il Coronavirus

Céline, il Dottor Semmelweis e il Coronavirus

Céline, il Dottor Semmelweis e il Coronavirus Può uno scrittore liberal americano prendere le difese di un “simpatizzante nazista”, conscio di avere tutto da perdere e nulla da guadagnare da tale decisamente impopolare operazione? Ebbene, ciò può succedere se il difensore è Kurt Vonnegut, e la pietra dello scandalo Louis-Ferdinand Céline. E questo accade, precisamente,…

Continua a leggere >
Pantomima per un’altra Parigi

Pantomima per un’altra Parigi

Nel 1952 Louis-Ferdinand Destouches, rientrato dall’esilio in Danimarca (a proposito, quanto Shakespeare c’è nella poetica di Céline?) dopo aver evitato la condanna a morte comminatagli anni prima dalla giustizia postbellica francese – ma non evitando la sua consacrazione definitiva di Grande Reprobo della letteratura – dava alle stampe per Gallimard il suo primo romanzo del…

Continua a leggere >
INEDITO! Louis-Ferdinand Céline

INEDITO! Louis-Ferdinand Céline

Una lettera acidamente comica di Louis-Ferdinand Céline al suo avvocato Jean-Louis Tixier-Vignancour del 1949, quando il rivoluzionario del linguaggio e Grande Reprobo francese, riparato in Danimarca e lì arrestato, carcerato e esiliato dopo aver vagato Da un castello all’altro per la Germania, era in attesa del suo processo in contumacia in Francia, con l’art. 75…

Continua a leggere >
L.F. Céline, La vita è più un ospedale che un baccanale

L.F. Céline, La vita è più un ospedale che un baccanale

Nel 2001 David Alliot intervistò Colette Destouches- Turpin (1920-2011), la figlia unica di Céline avuta dalla seconda moglie, Édith Follet, dopo aver consultato le brevi memorie sul padre e sulla sua famiglia da lei redatte in tarda età. Una testimonianza eccezionale, vista la discrezione della donna, che concesse solo un’altra intervista in tutta la sua…

Continua a leggere >
Céline contro Vailland

Céline contro Vailland

Il risentimento ti punge, l’acredine, l’odio… che tutti sti porci ti schizzano!… che scialacquano a ogni Ristoro, ogni Motel, ogni giro di ruota, per noi ben di che vivere un mese!… e poi per non ammosciarsi! sradicare una siepe!… il loro trucco masochista non mi frega!… dico io! né la pettorina di Loukoum! né le…

Continua a leggere >
Argotier. Louis-Ferdinand Céline, l’argot, il Novecento

Argotier. Louis-Ferdinand Céline, l’argot, il Novecento

In pochi in Italia conoscono Louis-Ferdinand Céline come Stefano Lanuzza, il quale ha dedicato alla figura dello scrittore “maledetto” ben otto libri (due dei quali con Marco Fagioli), tra cui il primo, indimenticabile Maledetto Céline (appunto) apparso nel 2010 per Stampa Alternativa. Argotier. Louis-Ferdinand Céline, l’argot, il Novecento (Jouvence 2018) è l’ottava tappa delle ricerche…

Continua a leggere >
Louis-Ferdinand Céline. La TV è pericolosa per gli uomini

Louis-Ferdinand Céline. La TV è pericolosa per gli uomini

“La TV è pericolosa per gli uomini” In questa intervista del gennaio 1958 alla rivista di programmi televisivi “Télé Programme Magazine”, un Céline istrionesco sfodera alcune fulminanti – e purtroppo attualissime – considerazioni sulla TV, strumento di… distrazione di massa. Jacques Chancel: Può essere che rimaniate stupiti della nostra scelta. Certuni diranno che il “traditore…

Continua a leggere >