Uncategorized

Home / Archive by category "Uncategorized"
Noi, i ragazzi dello zoo di Rogoredo

Noi, i ragazzi dello zoo di Rogoredo

Siamo Tutti Drogati: L’ecstasy degli studenti, l’eroina dei disperati, la coca di tutti i giorni. L’Italia è strafatta strillava la rivista Millennium nel giugno 2018. La copertina sortì un effetto lisergico sulla sottoscritta. Perché io sono una drogata. Come voi. Eh sì, lo siamo tutti in maniera diversa, anelanti verso un altrove, alla folle ricerca…

Continua a leggere >
Nick Cave, Ghosteen

Nick Cave, Ghosteen

Peace will come, a peace will come, a peace will come in time A time will come, a time will come, a time will come for us Nick Cave             Ghosteen si apre con Nick Cave che canta dell’ascesa e della caduta, soprattutto della caduta, di Elvis, il re del…

Continua a leggere >
David Szalay, Turbolenza

David Szalay, Turbolenza

  Meritatamente celebrato per il suo precedente romanzo (Tutto quello che è un uomo), David Szalay ripropone un altro testo circolare, di notevole suggestione, costituito da brevi racconti connessi fra loro (il personaggio, apparentemente marginale, che entra in scena per ultimo, riceve il testimone e diventa il protagonista del segmento narrativo successivo) formando una storia…

Continua a leggere >
Incline

Incline

Ne derivava quello smarrirsi, poco accentuato, di vita negli occhi. Non importava quanto fosse incline al motivo e al vanto, ma quel disprezzo, elegantemente ostentato, escludeva, alla sera, il proprio archivio di lattice dalla libidine del dolo. Quel frequentare sottovoce le intemperanze dell’ovvio esaltava, in fondo, il più irritante dei delitti … e lei, quel…

Continua a leggere >
Inservibili

Inservibili

Ne afferri un pezzo, poi l’altro, che il “sangue” è quasi andato. Ne stabilisci la tenuta e il vigore. Lo stendi e, con calma, ne aggiusti i motivi che sbiadiscono agli angoli. Respiri, butti in gola e intuisci d’esserci capitato in mezzo, ancora. Ti metti seduto, magari. Fai piano, irrigidisci l’ordinario e ti fermi. Uno…

Continua a leggere >
Chilometro Zero

Chilometro Zero

 Esauribili attenuanti al chilometro zero, ci sei tu alla meta con un cocktail di opzioni e di codici a barre. Davanti hai tempo, alle spalle un revival di indizi. Sei a corto di motivi probanti e un “ormai” ficcato nel centro del cuore. Codifichi il rimorso e traduci il rimpianto, sul cruscotto l’evidenza, il segnale,…

Continua a leggere >
A Sud di Ti amo

A Sud di Ti amo

E ti accorgi di quel peso quando al tatto svegliano la vita, magari è sete di sbieco o fantasmi di una fame occasionale, eppure risalgono la somma da quelle piccole vendette di “restituite con tassa a carico”. “Lascia fottere!”, suggerisce l’amico al banco, ma è nello stile di chi rimette la vista a chi ha…

Continua a leggere >
Estetica del disprezzo

Estetica del disprezzo

Quanto fosse stata perniciosa la tappa, amico mio, risultò certo perfino agli avvoltoi e a tal punto che ai sollazzi della furia essi preferirono l’umiliazione del digiuno. Quella ricca frontiera, tanto temibile quanto irrimediabile, mostrò al viandante, là in transito, la comunione tra scelleratezza e delitto …. e più miserabile allignava lo scenario, più coinvolto…

Continua a leggere >
Servibili resti

Servibili resti

Ti senti col radiatore a pezzi, col pieno di forse in gola e con quell’ormai non c’è più tempo per aver giocato di rimessa con le regole del quando. Non ce la fai a guardarti dentro perché la tua prigione non ha occhi e abbastanza ali da concederti un sufficiente fuori. Senti che non c’è…

Continua a leggere >
Account

Account

Account Quel giorno, sulla tratta, consueta al motivo della mia scelta, ebbi la ventura di trascorrere il mio tempo con una coppia quanto mai singolare: madre e figlio, lei superati i settanta, lui malfermo sui quaranta … lei agghindata a fatal bistrot, lui trascinante il rosso del gozzoviglio provinciale. Per tutta la durata della involontaria…

Continua a leggere >