Dal mare ti giunga l’aurora e la tempesta che sbatte le palme e d’impeto irrompe ovunque.
Nella mia testa il canto delle acque si fa tua voce mentre aspetto che passi questo mio niente che sembra immortale.
E tu resti dove il vento un giorno ti pose, rubandomi l’Amen.
Monica Armillei