Author: Monica Armillei

Home / Articles posted by Monica Armillei
10

10

Modulare il battito d’ ali per attraversare porzioni di cielo e accarezzare gli abissi. Chissà cosa pensano i gabbiani nei loro voli, delle piccole orme scolpite dai nostri passi.  

Continua a leggere >
9.

9.

Immagino le barche i loro sogni di derive, il mare aperto e poi l orizzonte confuso e sfatto. Le vele ammainate come sirene stanche L’ attesa inconfessata di una rotta che apra un varco sul confine tra mare e mare dove nessuno osa neppure con lo sguardo.

Continua a leggere >
8

8

Ho bisogno di pace e di una mano paziente che riaccosti le ciocche dei capelli scomposte sulla fronte. Una voce pacata che racconti fiabe come fossero carezze. Una tenda bianca alla finestra e un mazzo di fiori nel vaso, con l’acqua che brilla di luce mentre sulla tavola un pane lievita. La notte grilli e…

Continua a leggere >
7

7

L’ estate e le domeniche al mare con il costume da bagno come un tutù da ballerina, poi il rientro a casa la sera, come le rondini sotto la grondaia. La mia periferia era il confine con l’ infinito oltre il campo dietro casa. Sotto il grande pero che annunciava l’ inizio della primavera finiva…

Continua a leggere >
6

6

Ricordo lo scorrere del tempo lentissimo e il mio corpo mutilato da un dolore senza titolo Imparai a piangere assaporando ogni lacrima e decisi di salire su un treno che mi condusse tra la neve in un silenzio irreale. Scelsi la vita un passo alla volta continuando ad inciampare, ma vita e vita infinita, a…

Continua a leggere >
5

5

Ho sempre con me un piccolo foglio bianco su cui ho scritto il tuo nome Lo leggo spesso come fosse una lunghissima lettera perché ho bisogno di vederti e immaginare che tu  appaia in un delicato segno di matita. Ho vegliato accanto ad un ricordo e conservo per te il profumo di peonia. Nel tuo…

Continua a leggere >
4.

4.

Volavo sorretta da un sogno e la Terra era un giardino meraviglioso nell’azzurro Il surreale mi incanta, rende i miei pensieri lievi e reali i sogni.     Leggi anche qui.

Continua a leggere >
3

3

Perdo il conto dei giorni e li lascio come pecore al pascolo, immobili grigi stanchi presepi. Vorrei fosse Natale per avere un’attesa e che fosse di Maggio per decorare i rami d’abete con il rosso delle ciliegie. Avrei bisogno di luce tra i capelli neri e dolcissimi canti.

Continua a leggere >
2

2

Le poesie sono già state scritte tutte dai veri poeti? O le parole che esistono, unite ai sentimenti ai nostri silenzi adoranti, alle nostre piccole perversioni e meraviglie, nascondono ancora la possibilità di crearne altre?  

Continua a leggere >
1

1

È un incantesimo a termine, un lampo che divide il buio e ne lascia intravedere altro come fosse luce accecante Quando due occhi mi leggono i pensieri divento la donna del lanciatore di coltelli Impassibile ad ogni lama che definisce il mio limite Poi corro davanti allo specchio a cercare chi sono  

Continua a leggere >