Sine qua non, Siamo qua noi

Home / Archive by category "Sine qua non, Siamo qua noi"
Le Poesie di Mandel’štam

Le Poesie di Mandel’štam

Millenovecentosettantadue, quindici anni. Oggi sfrecciando verso Roma un poeta al telefono mi ha evocato la descrizione di una descrizione di Pasolini a proposito delle Poesie (1972), tradotte per Garzanti da Serena Vitale (che mai ringrazieremo abbastanza) di Mandel’štam – una delle voci più alte del novecento russo con Anna Achmatova e Marina Cvetaeva – assassinato dagli…

Continua a leggere >
L’editore Formiggini contro le leggi razziali

L’editore Formiggini contro le leggi razziali

Ieri sera tardi ho visto “Il volto delle parole” una docufiction (Rai3) di Claudio Pisano che traversa tre periodi: gli anni trenta, sessanta e novanta dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani. Un lungo spot, niente da dire, la pubblicità è il corpo del commercio. Veramente qualcosa da dire ce l’ho: mi ha addolorato che studiosi come Carlo…

Continua a leggere >
Carlo Emilio Gadda e l’Euresi

Carlo Emilio Gadda e l’Euresi

Euresi, anche èuresi scrive Gadda, e mi chiedo se il termine sia di conio gaddiano. Chi lo sa con certezza parli. D’accordo che euristica lo prende Kant in Critica del giudizio (sull’intuizione sintetica) da Pappo d’Alessandria vissuto fra il III e il IV secolo d.C. e infine per tornare a noi, dopo essere uscito dalle…

Continua a leggere >
Words are deeds

Words are deeds

Già durante la guerra Witt lo pensava. E in “Pensieri diversi” nel 1945 annotava che le parole sono azioni, e in “Ricerche filosofiche” che le parole sono fatti. Qui Joseph Kosuth lo rende evidente nell’opera “Words are deeds”, 1991, mezzo secolo dopo. E ci sono umani che ancora non ci credono.

Continua a leggere >
Ricordo di una quartina di Nanni Balestrini

Ricordo di una quartina di Nanni Balestrini

Ricordo una quartina di Nanni Balestrini e soprattutto come rise quella volta che gliela declamai:  «dei contadini che stavano scavando un campo trovano sottoterra una gazzella con dentro quattro carabinieri chiedono come mai e il maresciallo risponde inseguivamo dei ladri ma a un certo punto quelli ci hanno seminati» che io sappia nessun altro inserì…

Continua a leggere >
Giovanni Pascoli e l'asintoto

Giovanni Pascoli e l'asintoto

L’asintoto, detto semplicemente, dal greco a-syn-ptotos (che non coincide, che non tocca) in geometria è una retta che si approssima indefinitamente a una curva senza raggiungerla; Giovanni Pascoli, il più importante poeta del ‘900, come qualcuno ha detto, lo descrive in Ultimo sogno di Myricae come un modello di esistenza (che ora mi pare prossimo…

Continua a leggere >
Roberto Roversi. Dove va il romanzo?

Roberto Roversi. Dove va il romanzo?

Scriveva Roversi in Libri nuovi Einaudi nel 1971: «Dove va il romanzo? innanzi tutto, risponderei, dove va quell’uomo. E che cosa si trascina dietro il romanzo? innanzi tutto, risponderei (con la possibile ironia), la carcassa del tempo, il lembo della sua ovvietà, il trofeo corrotto delle sue bende. Ma la domanda, in ogni senso e…

Continua a leggere >
Roberto Roversi e Trenta miserie d'Italia

Roberto Roversi e Trenta miserie d'Italia

“Parlare continuare a parlare senza sapere come parlare scrivere continuare a scrivere senza sapere come scrivere pensare continuare a pensare non sapendo cosa pensare e continuare a voler sapere senza sapere che cosa sapere”. Così Roberto Roversi in “Trenta miserie d’Italia”, Sigismundus, 2011, grazie alla cura editoriale di Davide Nota. Ora, in questo fine settimana…

Continua a leggere >
Ricordo di Nanni Balestrini

Ricordo di Nanni Balestrini

Ricordo una quartina di Nanni Balestrini e soprattutto come rise quella volta che gliela declamai: «dei contadini che stavano scavando un campo trovano sottoterra una gazzella con dentro quattro carabinieri chiedono come mai e il maresciallo risponde inseguivamo dei ladri ma a un certo punto quelli ci hanno seminati» Che io sappia nessun altro inserì…

Continua a leggere >
Angelo Fortunato Formiggini, editore geniale

Angelo Fortunato Formiggini, editore geniale

Angelo Fortunato Formiggini fu un uomo confuso e tragico e un editore geniale, di cui un giorno racconterò le gesta, che il 29 novembre del 1938 volò giù dalla torre Ghirlandina di Modena.  Formiggini con la sua proverbiale ironia scrisse qualche giorno prima a Giulio Calabi, il fondatore, anch’egli di famiglia ebraica, della “Società generale…

Continua a leggere >