Welcome to Satisfiction   Click to listen highlighted text! Welcome to Satisfiction

Grandezza di Pasolini, pochezza di Calvino. C’è No altro!

Home / Rubriche / Bestiario italiano / Grandezza di Pasolini, pochezza di Calvino. C’è No altro!

Caro Calvino […]

È questo illimitato mondo contadino prenazionale e preindustriale, sopravvissuto fino a solo pochi anni fa, che io rimpiango (non per nulla dimoro il più a lungo possibile, nei paesi del Terzo Mondo, dove esso sopravvive ancora, benché il Terzo Mondo stia anch’esso entrando nell’orbita del cosiddetto Sviluppo). Gli uomini di questo universo non vivevano un’età dell’oro, come non erano coinvolti, se non formalmente con l’Italietta. Essi vivevano quella che Chilanti ha chiamato l’età del pane. Erano cioè consumatori di beni estremamente necessari. Ed era questo, forse, che rendeva estremamente necessaria la loro povera e precaria vita. Mentre è chiaro che i beni superflui rendono superflua la vita (tanto per essere estremamente elementari, e concludere con questo argomento). Che io rimpianga o non rimpianga questo universo contadino, resta comunque affar mio. Ciò non mi impedisce affatto di esercitare sul mondo attuale così com’è la mia critica: anzi, tanto più lucidamente quanto più ne sono staccato, e quanto più accetto solo stoicamente di viverci.

(Pier Paolo Pasolini, “Lettera aperta a Italo Calvino: quello che rimpiango”, Paese Sera, 8 luglio 1974)

Click to listen highlighted text!