Le braccia nude come rami frondosi accarezzano il vento e le piccole dita ne rubano le voci.

Ascolto rapita sul viso le carezze di mille instabili luci.

La testa lontana

La bocca dispersa anela oltre l’azzurro.

I piedi radici nude.

Monica Armillei