Pensieri con le gambe penzoloni

Home / Rubriche / Archive by category "Pensieri con le gambe penzoloni"
84

84

Dal mare ti giunga l’aurora e la tempesta che sbatte le palme e d’impeto irrompe ovunque. Nella mia testa il canto delle acque si fa tua voce mentre aspetto che passi questo mio niente che sembra immortale. E tu resti dove il vento un giorno ti pose, rubandomi l’Amen. Monica Armillei

Continua a leggere >
82

82

Il mio giorno passa mentre scompongo la luce in milioni di punti, cercando un guado all’irruenza dei fiumi che mi scorrono dentro, eterna piena che scava e travolge. Paziente Madonna dipinta, intreccio corone di fiori per inventarmi regina e prometto a me stessa di tornare bambina domani, mentre questo tempo mi sfiora. Impazzisco di vita…

Continua a leggere >
81

81

Aggiungimi ai tuoi giorni come un’opportunità nuova Come una candela accesa nel blackout della vita. Abbraccio dopo un ritorno improvviso. Ristoro dell’oasi oltre il deserto. Eternità che si rende presente nel Tempo finito. Monica Armillei

Continua a leggere >
80

80

Così ti amo, tra il vuoto e il chiaroscuro della tua presenza e pur vagando ti trovo in ogni passo e in ogni nota che mi lega a te lontano. Oltre la musica, trincea della vita. Monica Armillei

Continua a leggere >
79

79

  Nei tuoi occhi mai cede la forza dirompente che strazia i cieli e decide un tempo nuovo. Futuro che sempre sia d’Amore per te. Monica Armillei

Continua a leggere >
78

78

I pensieri tornano a casa ogni sera. Pendolari obbedienti dell’esistenza. Riprendono possesso delle stanze come nude presenze. Veglio sui loro sogni e rimbocco le lenzuola mentre accarezzo la fronte su cui si posa muta la stanchezza. Monica Armillei

Continua a leggere >
77

77

In ogni mio passaggio buio ho sempre la grazia di trovare chi si fa luce e mi sostiene dandomi forza per non cadere. Vivere non è facile. Da soli è impossibile. Monica Armillei

Continua a leggere >
76

76

Erano anni imperfetti di follie, ribellioni sperimentazione di eccessi e piume. E la poesia il sogno e l’irreale. Oggi possiamo togliere gli occhiali e ricordare il privilegio di essere stati ragazzi al tempo della favola. Monica Armillei  

Continua a leggere >