Domenico Paris

Home / Archive by category "Domenico Paris"
Valeria Sgarella. Seattle. La città, la musica e le storie

Valeria Sgarella. Seattle. La città, la musica e le storie

Diciamolo, e diciamolo una volta per tutte: è stata e sarà con ogni probabilità l’ultima “capitale” del rock che la storia potrà ricordare. Salvo grosse sorprese e/o una palingenesi del gusto musicale contemporaneo, certo auspicabile ma di sicuro difficile da immaginare. Parliamo di Seattle, che in questo periodo di lockdown e terribile mancanza di musica…

Continua a leggere >
Nelson George. Il cuore più buio

Nelson George. Il cuore più buio

Al netto delle (troppe) fanfaronate che spesso caratterizzano le esternazioni e i comportamenti in pubblico di tanti dei suoi protagonisti, negli Stati Uniti il mondo della trap e, prima ancora, del gangsta-rap ha consentito a chi se ne è occupato con serietà e competenza di avere un punto di vista privilegiato nell’osservare i cambiamenti che…

Continua a leggere >
Ezio Guaitamacchi. Amore, morte & rock‘n’roll

Ezio Guaitamacchi. Amore, morte & rock‘n’roll

Siete davvero sicuri di conoscere ogni dettaglio che si cela dietro la scomparsa di alcune delle stelle più luminose che abbiano rischiarato i cieli del rock (e dintorni)? Sì? Be’, allora il consiglio è quello di confrontare le vostre presunte onniscienze con l’ultima, ponderosa fatica di Ezio Guaitamacchi, Amore, morte & rock‘n’roll. Organizzato in sei…

Continua a leggere >
Holly George-Warren. Janis. La biografia definitiva

Holly George-Warren. Janis. La biografia definitiva

Partiamo dal sottotitolo inserito nella traduzione italiana di Janis. Her Life and Music, di Holly George-Warren: La biografia definitiva. No, non deve sembrarvi in alcun modo presuntuoso. Se avete dubbi in proposito, vi basterà andare all’appendice della pubblicazione e dare una rapida scorsa alla quantità di titoli presi in esame in bibliografia dall’autrice (già apprezzatissima…

Continua a leggere >
James Pettifer. Bruce Springsteen & Atlantic City

James Pettifer. Bruce Springsteen & Atlantic City

Inutile far finta che non sia così, professandosi magari avventuroso apolide in posa compiaciuta: ogni uomo di questo mondo sempre più globalizzato, sempre più piccolo, circoscrivibile, è e resterà innanzitutto figlio della sua terra. Questo vale per tutti, dallo sprovveduto (almeno apparentemente) villanello fino al metropolitano più doc e snob che possiate immaginare. Sempre, volgendo lo sguardo…

Continua a leggere >