SatisPhilo

Home / Rubriche / Archive by category "SatisPhilo"

Satisphilo, una rubrica di Satisfiction a base di filosofia. Ma una filosofia scappata dall’accademia e tornata a vivere il ritmo della vita quotidiana. Per capire chi siamo (o vorremmo essere) e cosa facciamo facendo uso dell’arma primordiale dell’uomo, ovvero il pensiero, meglio se critico e arricchito dalla sua storia millenaria, che non è nascosto solo nei saggi di filosofia, ma in tutta la letteratura e le forme espressive dell’animo umano.

Jim Morrison come educatore

Jim Morrison come educatore

Ho questo ricordo, probabilmente alterato da un desiderio di leggendarietà, di essere stato introdotto alla vita adulta, o perlomeno cosciente, dai Doors. E stranamente non mi ricordo se ebbi un’illuminazione o cosa, non so proprio come entrò nella mia vita questa band capitanata da un diavolo incantatore. Io ero già un rocker in erba, mi…

Continua a leggere >
Come diventare collaudatori di materassi

Come diventare collaudatori di materassi

In Paperino e il relax professionale l’antieroe disneyano per eccellenza, grazie all’intuizione di Pico de Paperis, riesce finalmente a trasformare la sua ambizione di pigrizia in un lavoro monetizzato. Non diventa collaudatore di materassi, come aveva sempre sognato, bensì uno di scrittore di successo prima, con il Manuale di Pisolinologia, e un dormiglione professionista poi:…

Continua a leggere >
Le certezze

Le certezze

Le certezze, nonostante Socrate e il suo “so di non sapere” facciano parte dei programmi scolastici (non tutti, certo – questa è effettivamente una certezza), sono ancor’oggi uno dei grandi problemi dell’umanità. Perché è difficile che le cose si facciano senza certezze, di solito è così. Soprattutto le cose che riteniamo più importanti, le stesse…

Continua a leggere >
Cantami o noia

Cantami o noia

L’isolamento, che non è solitudine – sebbene agli occhi d’un solitario non vi sia distinzione – apre varchi inimmaginabili alla cura interiore. Spogliati momentaneamente delle preoccupazioni quotidiane più oppressive, una su tutte il lavoro (che pur nella sua dimensione “agile”, da casa, lascia il terreno a un rallentamento collettivo), i pensieri chiusi a chiave in…

Continua a leggere >
Non è paura di morire

Non è paura di morire

Non è paura di morire, perché non si muore, è più facile morire nel tentativo di non morire. Anche perché poi cosa vale questa vita, perché conservarla con tanto accanimento? Da una parte ci si prospetta un futuro uguale a noi stessi, tra ufficio e fatiche, dall’altra un isolamento nelle nostre quattro mura fra scorte…

Continua a leggere >