Benvenuto su Satisfiction   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Satisfiction

Arte e libertá. Ora

Home / Rubriche / Archive by category "Arte e libertá. Ora"

Questa rubrica parla di una scatola.
La scatola é appoggiata sul pianoforte. É di dimensioni ridotte, simili a quelle del giro vita di una giovane ragazza. É di un legno che profuma ad olio. Ogni sua faccia é coperta da un basso rilievo intagliato a mano. Si vedono chiaramente dei volti e delle mani che si intrecciano primitivi. Quattro dita entrano come le zampe di un ragno nella bocca aperta della figura centrale. Per recuperare forse qualcosa che era stato perso. O forse, un filo di voce. O una parola ancora da inventare.
Dentro alla cassetta un foglietto quadrato stropicciato con delle parole scritte e che ne testimoniano la storia. La storia di un uomo che in Mozambico ne accolse un altro e la storia di un uomo che, accolto, per ringraziare il primo, scolpì una serie di cassette che poi gli donò. Disse che erano cassette dove poter riporre i propri sogni. Queste cassette furono poi regalate dal primo uomo alle persone che incontrava ed a cui voleva bene.
La cassetta sul pianoforte é l’ultima rimasta, colma di sogni, intrisa di olio e sudore, di arte e libertà.

Kyrie

Kyrie

La morte arriva attraverso un whatsapp freddo ed indiscreto. Arriva svuotata di senso dalle parole dell’articolo che l’accompagnano. La morte é sorda o forse noi l’abbiamo resa tale. Quella morte osteggiata, censurata come fosse una vergogna. Ma la morte é una sorella, un’amica che sa dire “basta” ad una periodo transitorio. Solo in lei possiamo…

Continua a leggere >
Caino contro Caino (pensieri in libertà da una foto ritrovata)

Caino contro Caino (pensieri in libertà da una foto ritrovata)

Sarebbe bastato amare. L’origine di qualsiasi problema é l’amore mancato. Nessuno sa cosa sia veramente l’amore, se non una attraverso un’idea fumosa, una indicazione incerta, o un desiderio confuso. L’amore é un fantasma mentre l’amore mancato mostra chiaramente il suo volto. Si espone alla luce zenitale mostrandoci il suo ghigno ironico. Tutti siamo orfani d’amore,…

Continua a leggere >
La bellezza che cerchiamo

La bellezza che cerchiamo

La voce dell’altoparlante mi risveglia. Guardo fuori dal finestrino il mare sotto di me. L’aereo vira, l’ala si innalza e taglia il cielo indaco che si spegne nella sera. Penso a quei corpi. Penso alla fortuna immensa che ho avuto di vivere tanta bellezza. Fortuna o misericordia? Il pensiero torna a quei corpi che si…

Continua a leggere >
Il problema

Il problema

All’alba dei quarantaquattro anni mi considero un uomo forte. Ho vissuto molto e, sfogliando all’indietro le pagine del diario della mia vita, scopro che non son certo pochi i capitoli relativi ad esperienze dure o dolorose che hanno formato il mio carattere e le mie scelte. Ho frequentato le tipologie umane più variopinte: zingari, delinquenti,…

Continua a leggere >
Figli di N.N.

Figli di N.N.

Numero e Narciso La vanità degli artisti o presunti tali è una peste del nostro tempo. Lo è non tanto perché l’ arte non abbia mai sofferto in passato della inevitabile compresenza tra geni e ciarlatani. Tale compresenza non ha mai innescato processi di scadimento del gusto cosi vasti e diffusi. E non si tratta…

Continua a leggere >
Fotofobia

Fotofobia

Vivo posseduto da preconcetti, mi avvolgono come i maglioni girocollo invernali. Stringono e quella stretta, inizialmente fastidiosa, con il passare del tempo si trasforma in un abbraccio. Non perché si sia allentata ma perché semplicemente vi ci siamo abituati. Così riconosco vivere gran parte della mia vita, avvolto da preconcetti generalmente filati in pura lana…

Continua a leggere >
Vuoto

Vuoto

Se vai al bar e chiedi un caffé e per quattro volte di seguito ti danno invece una banana non è un caso, significa che ti vogliono dare una banana. L’altro giorno centinaia di giovani si sono menati sulle rive del Garda. Tra le opzioni che iphone ti da per scrivere la e, ora come…

Continua a leggere >
Milano e l’odore dei gelsomini

Milano e l’odore dei gelsomini

Quando mi sveglio guardo sempre fuori dalla finestra. Osservo il cielo, la sua ampiezza, i colori che lo dipingono cercando di prevedere come sarà la giornata. Cerco le nuvole e, se ci sono, ne osservo la densità e come si muovono. Apro la finestra, chiudo gli occhi ed annuso l’aria. Gli odori mi danno indicazioni…

Continua a leggere >
Click to listen highlighted text!