SatisRetrò

Home / Archive by category "SatisRetrò"

Paolo Melissi.
Scrittori e poeti che hanno fatto la storia della letteratura ma, perchè sottovalutati, sono stati quasi dimenticati.

Werner Herzog: una specie di pellegrinaggio

Werner Herzog: una specie di pellegrinaggio

Un viaggio a piedi, per prima cosa, significa liberarsi di tutto il superfluo. Ovvero, prevede un carico minimo, essenziale, strettamente indispensabile per poter affrontare la strada. Werner Herzog prima di partire prese una giacca, una bussola, una sacca con dentro lo stretto necessario, e un quadernetto su cui annoterà il viaggio, le cui pagine diventeranno…

Continua a leggere >
Gianni Celati. Verso la foce

Gianni Celati. Verso la foce

Con Verso la foce Gianni Celati portò a compimento un progetto di lavoro svolto con quattro fotografi, tra cui Luigi Ghirri, che aveva per obiettivo il paesaggio italiano. Ne vennero fuori quattro diari di viaggio che lo stesso autore definisce “racconti d’osservazione”. Si tratta quindi di quattro viaggi a piedi attraverso le campagne della valle padana, verso…

Continua a leggere >
Georges Perec. Specie di spazi

Georges Perec. Specie di spazi

Specie di spazi rappresenta il lavoro svolto da Perec all’interno del progetto rappresentato da Cause commune, rivista che lo impegnò, accanto a Paul Virilio e Jean Duvignaud, tra il 1972 e il 1974. Un lavoro che, più di tutti, ha a che fare con l’indagine sociologica e antropologica. È lo stesso Virilio a contribuire alla ricostruzione della…

Continua a leggere >
Franz Hessel. L'arte di andare a passeggio

Franz Hessel. L'arte di andare a passeggio

L’arte di andare a passeggio è lo scritto che dà il titolo a una raccolta di materiali firmati da Franz Hessel, ora meritoriamente pubblicata da Elliot. Si tratta di una silloge, di una raccolta, appunto, di racconti, pagine di diario, riflessioni che, già di per sé, contengono – in qualche modo – una predisposizione “deambulatoria”. Hessel,…

Continua a leggere >
Guillaume Apollinaire. Il flâneur di Parigi

Guillaume Apollinaire. Il flâneur di Parigi

1857 rappresenta uno spartiacque, comunque una data di svolta per la flanerie, “fenomeno” parigino che aveva e avrebbe in seguito prodotto ampia letteratura. In quell’anno, infatti, Napoleone III dà mandato al barone Georges Eugène Haussmann di trasformare Parigi in una moderna metropoli: nel segno della linea retta (il “culto dell’asse”) si aprono i grandi boulevard, vengono…

Continua a leggere >
Louis Aragon. Il paesano di Parigi

Louis Aragon. Il paesano di Parigi

Il surrealista Aragon entra nell’immenso labirinto urbano di Parigi e lo sfida apertamente perché, per vincere il labirinto, bisogna attraversarlo. È il labirinto costituito dal Passage de l’Opéra e dal parco di Buttes-Chaumont, ma, anche e prima di ogni altra cosa, dalle memorie dadaiste, inscritte in questo e in quel luogo, di ricordi abrasi da…

Continua a leggere >
Santoka e Dino Campana. Scrivere, camminare

Santoka e Dino Campana. Scrivere, camminare

Più di un punto in comune avvicina Taneda “Santoka” Shoichi a Dino Campana. Entrambi poeti, pur nella dovuta distanza culturale. Entrambi camminatori, divoratori di strade. Entrambi alle prese con un “disagio”. Taneda Shoichi nasce nel 1882 nelle vicinanze di Yamaguchi, figlio di un agiato proprietario dedito al libertinaggio e avviato al dissesto finanziario. Taneda inizia…

Continua a leggere >
Alberto Savinio. Flâneur a Milano

Alberto Savinio. Flâneur a Milano

Milano dal decimo piano di un grattacielo: è il primo sguardo sul capoluogo meneghino restituito da Alberto Savinio in Ascolto il tuo cuore, città. È l’inizio di una prolungata flânerie, che è insieme percorso fisico nel corpo della città ma anche viaggio nel deposito immenso di ricordi, nozioni, storie, avvenimenti che costituiscono la “memoria” dell’autore….

Continua a leggere >
Henri Michaux

Henri Michaux

Stendendo le mani fuori dal letto, Plume fu stupito di non incontrare il muro . “Toh – pensò – se lo saranno mangiato le formiche…” e si riaddormentò. . Le disavventure del signor Plume  (Traduzione: Fidelio Bonaguro) Il libro è stato pubblicato da Stampa Alternativa . Nacque nel 1899, lo stesso di Borges, fu figlio…

Continua a leggere >