I grandi dello sport

Home / Rubriche / Archive by category "I grandi dello sport"

Una rubrica mensile dedicata ai grandi campioni dello sport: dal calcio al basket, dall’atletica al nuoto e al ciclismo. A tutti gli sport olimpici e invernali sino al motocicliso e alla Formula 1. Per ricordare i tanti campioni che hanno fatto la storia con le loro perestazioni, ritratti nei loro aspetti salienti, tecnici e morali.

Nadia Comăneci, la stella del volo

Nadia Comăneci, la stella del volo

È il secondo giorno dei Giochi olimpici di Montréal del 1976, in Canada, quando Nadia Comăneci, una ginnasta rumena di appena 14 anni, 40 chili di peso, 150 centimetri di altezza, si presenta alla finale delle parallele asimmetriche. La sua esecuzione è strabiliante, il suo corpo pare volteggiare contro la legge della gravità, i passaggi…

Continua a leggere >
Bernard Moitessier e la Golden Globe Race

Bernard Moitessier e la Golden Globe Race

Lui era l’uomo dei sogni, l’uomo della rivolta contro la vita organizzata, irriducibile al capitalismo come implacabile avversario del socialismo reale, l’uomo che scrisse contro la incombente civiltà del consumi, l’uomo che immaginava un’umanità felice e pacifica senza bisogni, che scrisse personalmente ai più preminenti Capi di Stato perché venissero piantati alberi di frutta in…

Continua a leggere >
Teófilo e Ali a L’Avana

Teófilo e Ali a L’Avana

Teófilo Stevenson fu uno dei più grandi pesi massimi della storia della boxe assieme a Muhammad Ali, ma a differenza di Ali fu il solo che nell’ambito della boxe non abbia mai combattuto per denaro, mentre Ali guadagnava milioni di dollari. Teófilo vinse tre medaglie d’oro in tre consecutive olimpiadi, dal 1972 (Monaco di Baviera)…

Continua a leggere >
Il sogno infranto del Pirata

Il sogno infranto del Pirata

Nasce il 13 gennaio 1970, a Cesena, figlio secondogenito di Ferdinando Pantani e di Tonina Belletti. Trascorre un’infanzia tranquilla, scuole, calcetto, cresce a forza di piadine, erbazzone, tigelle e tortelli che gli somministra Tonina che gestisce in città un chiosco gastronomico. Dal nonno riceve un giorno in regalo una bicicletta e capisce di avere un…

Continua a leggere >
Dorando Pietri, il maratoneta di Londra

Dorando Pietri, il maratoneta di Londra

Dorando Pietri nacque a Correggio il 16 ottobre 1885, figlio di una famiglia di contadini. Nel 1897 il padre lasciò i campi per aprire un negozio di frutta e verdura nella vicina Carpi. Dorando era un uomo minuto, basso di statura, garzone di una pasticceria che amava andare in bicicletta finché scoprì l’atletica per caso,…

Continua a leggere >
Jesse Owens e Carl Long a Berlino

Jesse Owens e Carl Long a Berlino

Tutto li distingueva, la nazione, la lingua, lo stato sociale, il temperamento, il carattere, la genetica: uno nero di carnagione, occhi scuri e capelli neri crespi, l’altro alto, bianco, biondo, occhi celesti, stereotipo dell’ariano, solo l’anno di nascita li accomuna, eppure le Olimpiadi di Berlino del 1936 segnarono qualcosa d’incredibile e di fino ad allora…

Continua a leggere >
Emil Zatopeck, la locomotiva umana

Emil Zatopeck, la locomotiva umana

Il 20 agosto 1968, facevano il loro ingresso entro i confini della Cecoslovacchia 12 divisioni corazzate, 12 divisioni motorizzate e 2 di paracadutisti, tutte appartenenti al Patto di Varsavia. Obiettivo dell’azione militare è quella di spegnere ogni velleità, ogni chance di sopravvivenza del cosiddetto ‘socialismo dal volto umano’ il cui simbolo era stato Dubcek allora…

Continua a leggere >
Fu soprannominato “Rombo di Tuono” per la potenza strabiliante del suo tiro

Fu soprannominato “Rombo di Tuono” per la potenza strabiliante del suo tiro

Nel 1970 aveva appena 9 anni quando, trascinato dall’euforia collettiva dopo la semifinale Italia – Germania Federale, si posizionò davanti alla TV (ancora in bianco e nero) per la finale contro il Brasile a Città del Messico. Allo stadio Atzeca assistevano 110.000 spettatori. Adorava Gigi Riva, era tifoso del Cagliari che proprio quell’anno vinse strepitosamente…

Continua a leggere >