Il cinema da salvare

Home / Rubriche / Archive by category "Il cinema da salvare"
Il Cinema italiano e gli “anni di piombo”

Il Cinema italiano e gli “anni di piombo”

Prodotto in Francia con la presenza nel cast di due attori che vanno per la maggiore in Italia quali Giuseppe Battiston e Barbora Bobulova, Dopo la guerra è stato presentato al Festival di Cannes 2018 dall’esordiente romana Annarita Zambrano. Il film affronta il tema del conflitto interno agli affetti familiari per la scelta di intraprendere…

Continua a leggere >
Stanley Kubrick, il genio

Stanley Kubrick, il genio

Nato a New York il 25 luglio del 1928, naturalizzato inglese, morto il 7 marzo del 1999 a St. Albans nella contea di Hertfordshire, Kubrick ha girato solo tredici film. Nessuno di questi, come lui del resto, ha mai vinto un Oscar, eppure è da sempre considerato il Maestro indiscusso del cinema mondiale. Questa unanimità…

Continua a leggere >
Mario Monicelli. La commedia all’italiana

Mario Monicelli. La commedia all’italiana

Anche la sua morte lo ha dimostrato. Era poco probabile che uno come Monicelli concludesse la propria lunghissima esistenza terrena per naturale consunzione, senza un conclusivo schiaffo di finale protagonismo, quasi fosse il suo ultimo modo per dire al mondo “Io faccio da me”, come del resto da sempre al mondo aveva voluto e saputo…

Continua a leggere >
L’avvocato al cinema

L’avvocato al cinema

Solo chi non ha mai messo piede in un’aula di giustizia italiana può ancora credere che un avvocato somigli a quel Perry Mason che convinceva le giurie popolari americane con la sola forza della ragione. Eppure, la figura dell’avvocato ha da sempre attirato attori e cineasti di tutto il mondo. Andando un po’ a zonzo…

Continua a leggere >
Liz Taylor, la Diva dagli occhi viola

Liz Taylor, la Diva dagli occhi viola

È morta a 79 anni, dicono le fonti, anche se si sa che le fonti anagrafiche delle dive sono consegnate più alla leggenda che alla verità, e che Elizabeth Taylor, di origini inglesi, fosse una diva e una leggenda è poco ma sicuro. Bambina prodigio in quei primi filmetti anni Quaranta dapprima col cagnone Lessie…

Continua a leggere >
Anna Magnani, un’attrice senza tempo

Anna Magnani, un’attrice senza tempo

Probabilmente la più straordinaria attrice italiana del ventesimo secolo, anche se negli anni che precedettero la sua morte il nostro cinema non aveva più saputo offrirle occasioni degne del suo inarrivabile talento. La storia artistica di Anna Magnani inizia con l’allora in grande auge Teatro di rivista, dove duettava con quell’altro fuoriclasse bistrattato di Totò,…

Continua a leggere >
Luchino Visconti, l’inventore del neorealismo

Luchino Visconti, l’inventore del neorealismo

Regista cinematografico, teatrale e lirico, Luchino Visconti, nato a Milano il 2 novembre 1906, è stato il vero iniziatore del neorealismo italiano con Ossessione del 1943, tratto dal celebre romanzo americano Il postino suona sempre due volte di James M. Cain, dove, spostando l’originaria ambientazione di San Francisco nella bassa Padana, seppe esaltare magistralmente il…

Continua a leggere >
Gli Oscar, fu vera gloria?

Gli Oscar, fu vera gloria?

Dal cinema muto a Via col vento, la fase pionieristica del cinema, che vede il passaggio al sonoro e al colore, si chiude allo scoccare della seconda guerra mondiale con il film più famoso e costoso. Come tutti i premi che si rispettano anche l’annuale consegna delle prestigiose statuette degli Academy Award non si sottrare…

Continua a leggere >
Joan Crawford, una Diva dimenticata

Joan Crawford, una Diva dimenticata

Dal cinema muto a Via col vento, la fase pionieristica del cinema Joan Crawford, vero nome Lucille LeSueur, è stata una celeberrima attrice americana degli anni d’oro di Hollywood, quelli delle grandi dive in bianco e nero, eppure oggi viene ricordata solo come la perfida Mammina cara del film con Faye Dunaway tratto dall’ancor più…

Continua a leggere >