Cammino

Home / Rubriche / Quasi noi / Cammino

Dentro di noi c’è tutto.

Sbadati, non ci accorgiamo di quanto la felicità possa essere così vicina.

Spesso la cerchiamo nell’irraggiungibile.

Da Wikipedia : L’etimologia fa derivare felicità da: felicitas, deriv. felix-icis, “felice”, la cui radice “fe-” significa abbondanza, ricchezza, prosperità.

Ma se tutto dipende da “fe” qualcosa non mi torna più.

I tre aggettivi sono troppo effimeri,

mi fanno balenare una cartellone pubblicitario americano, stile anni sessanta, dove una famiglia sorridente guarda da fuori, nel giardino, la nuova casa piena di tecnologia e l’auto scintillante parcheggiata nel vialetto.

Marketing della felicità.

Penso come molti di voi sia altro.

Non voglio darvi risposte, o dirvi dove io la trovi, ma, di seguito in due spunti poetici, porvi pensieri.

 

Foglie

Il vento agita le foglie.
Subdolo le accarezza, resistono.
Timido è ancora l’autunno.
Ingiallite, oramai fragili, si tingono
prima di lasciarsi andare.
Falene che si preparano a volare.
Cambiamento.
Passeggio assaporando i colori emozionanti.
Un dolce fresco, le mani in tasca,
sorrido.
Sono nelle tele di Monet di Degas.
La felicità nel respiro, nella luce.
Saper accettare i cambiamenti, i ritmi della vita.
Il mio corpo che cambia.

©️Schiappapietre Pierluigi

Se

Se potessimo con una doccia guarire i dolori.
Se nel vento in un sol colpo perdessimo i cattivi pensieri.
Se bastasse un sguardo per amare,
per capire.
Se bastasse leggere per sapere.
La felicità dove sarebbe?

©️ Pierluigi Schiappapietre