I giovedì del ragazzo ubicuo. John Cage inedito. Meal du siècle.

Home / Inediti / I giovedì del ragazzo ubicuo. John Cage inedito. Meal du siècle.

In un’ex-gelateria di via Guinizelli MI abbiamo iniziato Luciano Ragozzino ed io a stampare libretti con un tirabozze donatoci da un anziano stampatore della zona. La casina editrice s’è chiamata “Il ragazzo innocuo” (anagramma del socio), per evolversi poi in “Il ragazzo ubicuo”. Il format è un trittico pieghevole, occupato ai lati da un breve bitesto e al centro da un’immagine di natura variabile (incisione, acquerello, foto, materie organiche ecc.). La storia del secondo libretto è presto detta. A metà degli anni 80 l’“Ostaria alle rive” del mio paese (Cartigliano sul Brenta) fu rilevata da una famiglia dell’Altopiano, che comprendeva tre giovani sorelle, una più bella dell’altra. A furor di popolo, dopo un paio d’anni l’osteria fu ribattezzata “Alle 3 caravelle”. Ogni tanto venivano a trovarle due loro cugine gemelle ancor più giovani, fatalmente soprannominate “scialuppe”. Così una scialuppa un dì introdusse in paese il neofidanzato Wolfgang Wesener, fotografo tedesco che iniziava allora a lavorare per la FAZ (www.wowephotography.com).  30 anni dopo, quando cominciammo a stampare libretti, mi sovvenni che Wowe mi aveva parlato di un suo incontro a NY con Cage, di foto lì fatte e di ricette dettategli al momento. Wowe scartabellò nel suo archivio, trovò due ricette di Cage e una foto di lui mentre prepara il piatto. Voilà:  

.

SOUP DES JOURS

Prendi una bella pentola. Comincia immergendo in acqua delle alghe o cuocendo del grano saraceno. Aggiungi verdure (radici e/o foglie e/o funghi: prima lappole, carote ecc., poi ravanelli, cime di rapa o di carota, tagliati sottile) e/o fagioli ecc., ma non aggiungere olio! Tieni sul fornello, non propriamente sul fuoco, se non quando riscaldi o aggiungi nuove radici. Cambia il sapore ogni giorno mettendo avanzi o un ingrediente nuovo, come prezzemolo tritato o erba cipollina. Prima di servire ogni volta condisci con tamari a piacere e pepe macinato. Se viene troppo asciutta o diviene troppo densa, aggiungi acqua e viceversa. È particolarmente buona con il pane raffermo.

#

BREAD DES ANS

Prendi 4 tazze di farina integrale, 2 di orzo tostato, mezza di semi di sesamo tostato, 1 cucchiaino di sale, 4 cucchiai di olio di mais. Prima mescola la farina, poi fai penetrare l’olio. Aggiungi 3 tazze di acqua bollente e continua a impastare, prima con una spatola di legno, poi con le mani. La pasta all’inizio è difficile da maneggiare, ma dopo 45’ raggiunge un buon grado di flessibilità e di morbidezza. Se suona il telefono mentre sei all’inizio, lascialo suonare, a meno che tu non voglia trasferire sulla cornetta 1 kg. di pasta appiccicosa. Metti la pasta in forno, ben spalmata di olio. Tieni il forno a 220° per 20’, poi a 200° per altri 40’. Dopo spento, lascia il pane al caldo.