Gian Micalessin, Fratelli traditi

Home / Recensioni / Gian Micalessin, Fratelli traditi

<< Chi c’è dentro non ha più la forza spirituale per reggere il contrasto con chi arriva dall’esterno.>> Sono queste le parole che più mi han stordito del dialogo-in-conferenza con Gian Micalessin. Reporter di guerra, nel 2013 si imbatte in quello che poi viene chiamato l’assedio di Maaloula, l’incipit di tanti massacri compiuti ai danni dei cristiani nel mondo. Cos’è il Cristianesimo oggi e dove possiamo annusarne le sue ferite? La disgregazione e lo sgretolamento dei valori cristiani, colonna portante della nostra civiltà stanno lì a dimostrare quanto sia beffardo tentare una riconciliazione ipocrita e sporca con le comunità straniere installatesi sul nostro suolo. Come possiamo accogliere se sputiamo sulla nostra anima? Da dove veniamo, da Marte forse? Sono realmente semplici i concetti che il mondo moderno non vuole scoperchiare per non lasciar le budella al gelido e pallido vento delle incertezze. L’Occidente stressato e maxi-capitalista, la cui unica spina dorsale fa rima col profitto, ha plasmato la bilancia della vita orientandola sull’unico polo attrattivo oggi resistente: l’Io, il super-ego divoratore. Lascio agire l’Io perché sostenga la mia famiglia, il mio orticello, unica vera ragione della Mia vita. Schiaccio il prossimo perché l’erba del vicino è sempre meno verde della mia. Sputo sui valori ecclesiastici perché nessuno, nemmeno Dio, deve agire sulla mia vita. L’estrema sintesi del marcio si riassume in queste tre righe, laddove si annienta la storia, la storia non si costruisce. << Gran parte degli obiettivi della guerra siriana furono dettati dall’amministrazione Obama e quindi erano obiettivi estranei all’interesse europeo e italiano>> dice Micalessin, aprendo di fatto un varco di vaste proporzioni dove si annida una delle più concrete operazioni di annebbiamento delle menti. Tutto ciò che il governo e l’informazione comoda trasferisce a noi poveri disillusi viene preso come oro colato. Se non vi è coinvolgimento, allora siamo in pace, se vi sono contingenti militari italiani allora distribuiscono pane e brioche e qualche galletta ai passanti. E via così nel mare delle ovvietà, come quella sporcizia che si annida sotto le unghie, la vediamo però la nascondiamo. La sintesi del peccato, l’emblema vile dell’animo umano, sepolto già da tempo sotto le macerie di colpe spesso inventate. Siamo fragili e forse tra i più fragili nel Mondo, nonostante la vicinanza con chi oggi sostenga meglio di chiunque altro ideali e principi della Chiesa, quella Ortodossa, elevando con orgoglio le virtu del passato e annientando i contrasti del modernariato occidentale. Micalessin nel suo libro analizza come il sostegno e gli appoggi garantiti ai gruppi jihadisti nella speranza di spazzare via il regime di Bashar al-Assad abbiano di fatto permesso la nascita dell’Isis. << Tradendo i cristiani di Siria abbiamo, alla fine, tradito noi stessi >>. Siria, Iraq, Egitto, Etiopia , apparentemente lontani da noi e quindi diversi quindi problemi loro. Difendere il Cristianesimo ovunque nel mondo costa fatica, soldi, sangue e interesse personale, proprio quegli elementi smarriti e affidati ai potenti capitalisti del mondo perché ci garantiscano benessere e impunità. Per cui fate pure le guerre che volete basta che ci lasciate stare, parola di Italiano 2019. L’Occidente assiste senza muovere un dito alla persecuzione dei cristiani da Homs ad Aleppo, da Raqqa alla periferia di Damasco, lì dove vive e respira ancora la lingua aramaica (!!!). Il conflitto, qui analizzato anche e soprattutto grazie al dialogo on-the-road con le popolazioni incontrate ci fa vivere da vicino i punti cruciali che han scatenato l’ira dei jihadisti, mossi e possiamo anche dire infastiditi dalla sufficienza con cui trattiamo la nostra storia, quasi irritati dopotutto da un comportamento che nel bene o nel male loro non possono tollerare. Quanto dobbiamo cadere perché qualcuno (Dio?) ci possa chiaramente parlare al nostro cuore? Lasciamogli una porticina aperta, basta uno spiffero e forse può davvero scatenare una tempesta di luce. Introduzione efficacissima a cura dell’immenso Francesco Alberoni.

GIAN MICALESSIN – FRATELLI TRADITI. LA TRAGEDIA DEI CRISTIANI IN SIRIA. CRONACA DI UNA PERSECUZIONE IGNORATA – CAIRO – 2018 – 301 PAGINE – 16,00 EURO