Questo è il tempo che tollera l’oltraggio dell’aratro per fare della terra una culla di tenerissima attesa.

E l’impeto della luce travolge nel desiderio di vita.