Verde rivista. Intervista alla Redazione

Home / Ti ho rivista / Verde rivista. Intervista alla Redazione

Cosa ti/vi ha spinto a creare una rivista letteraria? E quanto tempo fa è successo?

La rivista è stata fondata dal già commissario, ora Ramses, Pierluca D’Antuono nel maggio 2012 dopo l’incontro di Pecorile tra ex appartenenti a Congegno Rivista e Vomito. Abbiamo stampato ventisette numeri prima dell’ormai celebre battaglia legale con la Danish Pedophile Association (vedi numero 3 di Verde, agosto 2012) che ci ha prosciugato finanze ed energie. I nostri cartacei si possono leggere qui. Ora siamo solo online ma con parecchi progetti cartacei (uno già realizzato, una tassonomia delle riviste italiane: Letteratura Pazzesca 2018. Per riceverlo scrivete a verderivista@gmail.com).

Siamo nati perché quello che c’era non ci piaceva o ci ignorava, pensiamo a: Lacerba, La Voce, Valori Plastici, Risme, Energie Nuove, Il Baretti, La frusta e il diavolo, Dedalo, La nuova carne, L’Inquieto, L’Irrequieto, L’Intrepido, L’Iconoclasta, Convivium, Crapula, Strapaese, Il selvaggio, Il Re dei Conigli Magazine, Solaria, Mondo Operaio e Crack Rivista.

Prova a definire la tua/vostra rivista in poche parole.

Rivista di proto-lettere, interpunzioni grafiche e belle speranze, lit-wrestling, pizze dure CAPS LOCK, racconti di genere e degeneri, illustrazioni pazzesche, utilizzo dei social morigerato e pacato, Rivista intersezionista, situazionista, specista, crociati contro i patetici insel pazzi (Involuntary Self-Published). Contiene Dante Virgili’s Clark’s Gang, lit-dissing, scissioni, dossieraggi, ottime rubriche di cucina (anche free glutin) e approfondimenti sulla lotta armata. Rivista ufficiale del NOVO PAZZESCO ROMANO.

Quanti numeri sono già stati pubblicati e quando uscirà il prossimo?

Verde pubblica tre racconti inediti a settimana e ospita i lavori degli illustratori per un mese intero. Abbiamo una rubrica mensile di recensioni chiamata A colpo Sicuro, la rubrica di S. H. Palmer, stiamo pubblicando il romanzo di Simone G. Helly, Il Vitalizio di Solange di Frau, il romanzo maledetto I Manieristi, la Saga delle Sagome di Quaranta e molto altro ancora. Siamo rimasti affezionati a tre nostre rubriche, ormai chiuse per incomprensioni e scissioni, Casual Friday, Gattini, Rosa, Umido, Cinema della pirofila, Plafoniera e Feticismo e Lefevbriani. Stiamo preparando un podcast e una newsletter settimanale a cura della redazione ombra Guacamole.

Cosa cercate e pubblicate? Racconti, estratti, poesie? Hai/Avete un genere o delle regole precise?  

Pubblichiamo racconti di qualsiasi genere. No poesie, no cam, no pro-ana.

Cosa deve fare un autore per convincerti/vi a pubblicare un suo lavoro?

Scrivere un bel racconto ed essere tra i nostri creditori. O essere amico di Ippolita Luzzo.

   

Pubblicate anche in cartaceo? Se si, dove si può trovare la tua/vostra rivista?  

Non più, ma ci stiamo attrezzando. Per i vecchi numeri potete scriverci a verderivista@gmail.com.

Qual è la soddisfazione maggiore o inaspettata che ti/vi ha dato la tua/vostra rivista?

Siamo molto orgogliosi di aver ospitato racconti e capitoli di romanzi inediti di Giuseppe Genna, Antonio Moresco e Vanni Santoni. La dedica che ci ha scritto Emanuela Cocco nel suo libro: La ragazza è ovunque, o qualcosa del genere, non ricordiamo bene il titolo. L’interessamento di Effequ al romanzo Il Vitalizio di Solange. La collaborazione con Insorgenze, Carozzi, De Capitani, Vena, Tassinari, Maurizio Blondet e Persichetti.

Cos’è che ti/vi ha fatto davvero cascare le braccia?

Il fatto che non ci conosceste, i refusi de L’Inquieto, la serietà di Crapula, i commenti sessisti di Nubius Dee, la pagina facebook de La nuova carne, la nuova montatura degli occhiali di Raimo e la grafica di Crack Rivista.

Cosa ti/vi spinge ad andare avanti in questa attività così poco (o per nulla) produttiva?

La voglia di confrontarci, far nuove amicizie e salvare la letteratura italiana.

Ci mandi una foto di tutta la redazione o il logo?

Il commissario in alto, Pierluca D’Antuono, ora Ramses, animatore di salotti culturali ed educatore, in basso a destra il vice commissa e Sagoma Andrea Svastichella Frau, in basso al centro Francesco Quaraoke Quaranta, anch’egli sagoma e stakanovista, in basso a sinistra la parte superiore è di Pagliarini, nostro grande vecchio, quella sotto è di Luca Marinelli, ex re dei conigli, ora curatore, editor severo e contestato.